19:24

Guerini, Draghi chiaro, nessuna volontà aumento tasse

Serve un fisco sempre più giusto

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - CATANZARO, 24 SET - "Mi pare che il presidente Mario Draghi sia stato molto chiaro ieri intervenendo all'assemblea di Confindustria: non c'è nessuna volontà di aumentare le tasse.
    C'è la volontà invece, dentro un fisco sempre più giusto, di sostenere il Paese in tutte le sue esigenze: sia in quelle relative alla crescita e alla ripresa, che sono entrambe necessarie". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

19:24

Tajani, con immunità gregge nessun obbligo vaccino

Con Green pass è uno strumento contro il lockdown

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - SAN BENEDETTO DEL TRONTO, 24 SET - "Se riusciremo a raggiungere l'immunità di gregge entro la prima decade di ottobre non sarà necessario arrivare all'obbligo vaccinale".
    Così il vicepresidente di Forza Italia Antonio Tajani a San Benedetto del Tronto. "Siamo assolutamente convinti che si debba continuare con la campagna vaccinale - ha proseguito -, bene vaccinare il maggior numero possibile di persone utilizzando la medicina di prossimità, farmacie, medici di famiglia". E il Green pass è "un altro strumento utilissimo insieme ai vaccini per impedire nuovi lockdown. Ieri sono stato a Madrid - ha raccontato Tajani - dove ho incontrato la presidente della regione di Madrid che ha sconfitto il coronavirus ed è stata rieletta con un voto plebiscitario. Ha chiuso quando ancora gli altri non chiudevano, ha aperto quando gli altri ancora non lo facevano. Si tratta quindi di avere al governo locale anche persone lungimiranti. Non consideriamo né il Green pass, né il vaccino uno strumento limitativo delle libertà, anzi sono strumenti che difendono la libertà perché impediranno nuovi lockdown. Per quanto riguarda il mondo del lavoro - ha concluso -, è giusto che ci siano sanzioni, ma non credo sia giusto licenziare i lavoratori che non si vaccinano". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

19:12

Alitalia: Meloni, indegno come governo tratta i lavoratori

Non è stata fatta una politica di difesa del vettore nazionale

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Penso che i lavoratori di Alitalia abbiano ragione: il motivo per cui si è arrivato a questo punto è che non è mai stata fatta una politica di difesa del nostro vettore nazionale e una politica seria sul piano dei trasporti".
    Così la leader di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni a margine di una iniziativa elettorale a Roma. "Considero - sottolinea - indegno come il Commissario governativo e il governo sta trattando queste persone, ai quali non viene neanche riconosciuto il contratto collettivo nazionale, precedente gravissimo, con la scusa che lo chiede la Ue. Fdi - conclude - ha presentato una mozione e la maggioranza ha chiesto che fosse rinviata, altra vergogna". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

19:11

Stato-Mafia: Calderoli, chi paga? Nessuno

'Due sentenze stridono sulla pelle di persone'

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Non entro nel merito dell'annosa vicenda sulla trattativa Stato-mafia, su cui a questo punto sarà la storia a scrivere la verità, né ovviamente nel merito delle sentenze, ma mi limito a rilevare dopo la sentenza d'Appello di ieri nel processo sulla trattativa tra lo Stato e la Mafia che ci sono due sentenze che stridono sulla pelle di persone, di essere umani. In primo grado erano state inflitte agli imputati condanne pesantissime: 12 anni a Dell'Utri, a Mori e a Subranni, otto per De Donno. Da ieri sono stati tutti assolti in questo Appello, dopo aver vissuto anni da condannati, dopo anni vissuti con un peso giudiziario enorme a zavorrare le loro esistenze.
    Nessuno potrà mai restituire loro questi anni persi. La domanda però va fatta: qualcuno ne risponde?". Lo afferma Roberto Calderoli della Lega. "La risposta oggi è no ed per questo che è ancora più importante andare a firmare i sei quesiti referendari per rinnovare e migliorare il nostro sistema giustizia e avere una giustizia più giusta ed efficiente", conclude. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

18:56

Conte, stop limiti capienza a cultura e spettacolo

Abbiamo chiesto il green pass, allora che ripartano senza limiti

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Cultura e spettacolo: dobbiamo far saltare i limiti di capienza. Abbiamo chiesto il green pass e allora che ripartano senza limiti sale, concerti, cinema e teatri. Ripartiamo tutti insieme e programmiamo le misure che ci consentiranno di rendere la ripartenza solida". Lo dice il leader del M5S Giuseppe Conte a margine di una iniziativa elettorale a Sora. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


18:52

Mattarella, dopo la pandemia ricostruire società solidali

Bisogna superare gli squilibri sociali, economici e ambientali

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Dopo la pandemia e la crisi economica che ne è conseguita, oggi siamo chiamati a ricostruire società coese e solidali, in grado di superare gli squilibri sociali, economici e ambientali che stanno compromettendo la stessa vita di questo nostro pianeta". Lo afferma il Capo dello Stato, Sergio Mattarella in occasione dell'incontro con una delegazione del Consiglio delle Conferenze Episcopali italiana ed europea. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


18:48

Letta, Patto è buona scelta, sosteniamo proposta Draghi

Sindacati e imprese possono giocare una partita importante

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - LUCIGNANO (AREZZO), 24 SET - "Noi ci stiamo, un Patto per il lavoro vuol dire essere in grado di cambiare molte regole per rendere più protetti i lavoratori, per dare più lavoro ai giovani, per evitare la precarietà, e soprattutto per dare agli imprenditori la possibilità di una crescita più forte, più sostenibile e con più sburocratizzazione. Quindi la proposta che il presidente del Consiglio ha fatto ci vede disponibili.
    Credo che sia una buona scelta. Sindacati e imprese possono giocare una partita importante per far sì che questo patto serva veramente a far ripartire l'Italia". Così il segretario Pd Enrico Letta al termine di un'agorà a Lucignano (Arezzo).
    (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

18:44

Artisti e promoter, siamo allo stremo, ora capienza al 100%

Sileri, "tempi maturi per aumento ma con gradualità"

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - ROMA, 24 SET - Grande agitazione nel mondo dello spettacolo sulle varie ipotesi di capienza dei teatri, dei cinema, degli spazi deputati alla musica dal vivo. Le società che organizzano concerti, riunite in Assomusica e non, hanno sottoposto al presidente del Consiglio Mario Draghi e ai ministri competenti, nel corso di un evento a San Siro, una proposta che prevede capienza al 100% senza distanziamento con Green pass e mascherina obbligatoria e controllo della temperatura corporea per gli show al chiuso e una data certa per la ripartenza con un piano condiviso da formalizzarsi entro il 31 ottobre.
    "Chiediamo al Governo uno sguardo verso l'estero, Austria, Slovenia, altri Paesi, alcuni hanno già riaperto da giugno, altri come la Svezia hanno dato una data: il 29 settembre" dicono invece i promoter per bocca di Roberto De Luca, responsabile della società che promuove concerti Live Nation.
    Parte dalla Società Italiana degli Autori ed Editori una petizione che raccoglie le tante voci degli artisti della cultura, dello spettacolo e della politica che sollecitano il Governo ad aumentare la capienza. "Abbiamo sempre rispettato le regole e le leggi e anteposto la salute dei cittadini a tutto il resto. Ora però siamo veramente allo stremo", dice il presidente Siae Giulio Rapetti Mogol che di "ripartire in sicurezza ma di ripartire realmente".
    In serata è intervenuto anche il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri. "I tempi - dice - sono maturi per un aumento della capienza agli eventi. Ma dovrà essere fatto in modo graduale e specifico. La prossima settimana ci sarà un'altra riunione del Cts". Sileri aggiunge: "Non è prematuro aumentare i posti nei cinema, riaprire gli stadi, fare dei concerti. E' chiaro che deve essere fatto con gradualità perché il cinema è una cosa, il teatro è un'altra cosa e il concerto è un'altra cosa ancora. E sul concerto, dove maggiore può essere il rischio, servono ovviamente delle garanzie maggiori". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Modifica consenso Cookie