05:35

Huawei:Usa chiederanno estradizione Meng

Media Canada, il 30 gennaio scade termine per presentare l'atto

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - PECHINO, 22 GEN - Gli Stati Uniti hanno informato il governo canadese di voler procedere con la richiesta formale di estradizione di Meng Wanzhou, direttore finanziario di Huawei in a arresto a Vancouver dal primo dicembre su impulso americano con l'accusa di violazione delle sanzioni contro l'Iran. Lo riporta il quotidiano Globe and Mail, secondo cui l'ambasciatore canadese negli Usa, David MacNaughton, ha detto in un'intervista di non sapere quando avverrà con precisione ricordando che il 30 gennaio scade il termine per la presentazione.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

04:58

Nissan: no a scarcerazione per Ghosn

A nulla è servito l’appello presentato ieri dall'ex tycoon

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - TOKYO, 22 GEN - La Corte distrettuale di Tokyo ha negato l'ultima richiesta per la concessione della libertà su cauzione per l'ex presidente del gruppo Nissan-Renault-Mitsubishi, in prigione dal 19 novembre con le accuse di una serie di illeciti finanziari. Imputazioni che l'ex tycoon 64enne continua a contestare durante gli interrogatori - che non prevedono la presenza di avvocati, asserendo la sua innocenza. Il ricorso per il permesso di scarcerazione era stato presentato per la seconda volta dal team legale di Ghosn, dopo che il pubblico ministero avevo formalizzato la seconda incriminazione per abuso di fiducia aggravata, lo scorso 11 gennaio. Ghosn ieri, tramite il suo portavoce, aveva fatto circolare una comunicato agli organi di stampa in cui si dichiarava disposto ad accettare ogni tipo di condizione per ottenere la libertà su cauzione, inclusa la consegna alle autorità del proprio passaporto e l'intenzione di indossare un braccialetto elettronico, e risiedere in Giappone per tutta la durata del processo.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

04:07

Giappone-Russia: Abe a Mosca per isole

Disputa su territori contesi al centro dei negoziati con Putin

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - TOKYO, 22 GEN - Le trattative per la possibile firma di un trattato di pace tra Russia e Giappone, legato a un accordo sulle isole Curili, contese dai due Paesi, saranno i principali temi dell'incontro tra il premier nipponico Shinzo Abe e il presidente russo Vladimir Putin. Abe è giunto nella tarda serata di lunedì a Mosca e incontrerà il leader russo questa sera al Cremlino. I due avevano acconsentito lo scorso novembre ad accelerare le negoziazioni per siglare l'intesa basata sulla dichiarazione congiunta del 1956, che specifica la restituzione a Tokyo di due delle quattro isole che Mosca controlla dopo la conclusione di un accordo di pace bilaterale. La disputa converge su un gruppo di isole a nord dell'isola di Hokkaido, occupate dall'esercito russo a pochi giorni dalla fine della Seconda guerra mondiale.
    Le isole sono chiamate Curili dalla Russia, mentre per il Giappone sono Territori del Nord.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

03:45

Pakistan, 26 morti in scontro bus-camion

I mezzi si sono incendiati. Almeno 15 i feriti

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - ISLAMABAD, 22 GEN - Almeno 26 persone che viaggiavano su un autobus sono morte in seguito allo scontro del mezzo con un camion avvenuto nella provincia del Balochistan, in Pakistan, nella tarda notte di lunedì. I feriti sono almeno 15.
    L'incidente è avvenuto nel distretto di Lasbela, nel Balochistan: il pullman passeggeri è entrato in collisione frontale con il camion che trasportava carburante (probabilmente di contrabbando). Ne è scaturito un enorme incendio che ha investito sia i mezzi che le persone a bordo.
    "I resti dei corpi carbonizzati di ventisei passeggeri sono stati recuperati dal pullman", ha dichiarato il commissario del distretto di Lasbela, Shabbir Mengal, che ha anche quantificato in 15 i feriti. Il bus viaggiava da Karachi a Panjgur Balochistan e trasportava 40 persone. Tra le vittime, anche le persone a bordo del camion.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

03:18

Borsa Shanghai poco mossa, apre a -0,03%

In leggero calo anche Shenzhen, a -0,09%

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - PECHINO, 22 GEN - Le Borse cinesi aprono la seduta poco mosse: l'indice Composite di Shanghai segna nelle prime battute un calo dello 0,03%, a 2.609,64 punti, mentre quello di Shenzhen cede lo -0,09%, a quota 1.329,03.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

02:01

Sisma in mare Indonesia, magnitudo 6.1

A largo delle coste dell'isola di Sumba

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Un terremoto di magnitudo 6.1 si è verificato alle 23.59 ora italiana a largo delle coste dell'isola di Sumba, in Indonesia: si legge sul sito di INGV (Istituto nazionale geofisica e vulcanologia). L'ipocentro è stata localizzata a 20 km di profondità. Al momento non si ha notizia di danni a persone o cose né di eventuali allerta tsunami.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

01:31

Borsa Tokyo,apertura poco variata +0,19%

Cautela degli investitori dopo stime al ribasso Fmi

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - TOKYO, 22 GEN - La Borsa di Tokyo avvia gli scambi all'insegna della cautela dopo il ridimensionamento della stime di crescita dell'economia da parte del Fondo monetario internazionale, mentre il mercato attende indicazioni dai negoziati per la Brexit e le negoziazioni sul commercio tra Cina e Usa. L'indice Nikkei fa segnare una variazione appena positiva dello 0,19% a quota 20.759,60. Sul fronte dei cambi lo yen è invariato sul dollaro, a 109,60 e a 124,60 sull'euro.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

23:19

Raggi, grave ex Penicillina rioccupata

A Roma la fabbrica dismessa era stata sgomberata il 10 dicembre

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - E' stata rioccupata da una quarantina di persone l'ex fabbrica di Penicillina, nella periferia est di Roma. L'immobile, diventato simbolo di degrado ma balzato agli onori delle cronache anche per episodi di criminalità, era stato sgomberato in una vasta operazione di polizia, lo scorso 10 dicembre: all'interno dell'edificio erano stati trovati circa quaranta occupanti, ma la stima era che fino a poco prima ci vivessero in 600, la maggior parte migranti. La sindaca Virginia Raggi, che già in passato aveva messo in guardia su un possibile rientro degli occupanti, ora bolla come "inaccettabile" la rioccupazione e tuona su twitter: "Sono stati spesi soldi pubblici, impegnati uomini e risorse. E ora c'è il rischio di dover ricominciare da capo. Dopo sgomberi occorre sorveglianza".
    Il giorno dello sgombero sul posto era arrivato anche il ministro dell'Interno Matteo Salvini.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

23:03

Ondata di gelo sull' East Coast, 7 morti

Molti incidenti stradali, forti venti, cancellati molti voli

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - WASHINGTON, 21 GEN - E' di almeno sette morti, diversi in incidenti stradali, il bilancio dell'ondata di gelo che sta colpendo in queste ore la costa orientale degli Stati Uniti. La tempesta, che in alcune zone ha causato anche pesanti nevicate, ha interessato dallo stato di New York, dove si sono registrate temperature polari, alla Virginia, alla North Carolina. Freddo intenso, anche se splende il sole, nella capitale federale Washington.
    Ad aumentare le temperature percepite i forti venti.
    Centinaia i voli cancellati nei principali scali.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

22:06

Venezuela, sono 27 i militari arrestati

Sono accusati di rivolta contro il governo

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - CARACAS, 21 GEN - Sono 27 i membri della Guardia Nazionale arrestati con l'accusa di rivolta contro il governo.
    Lo hanno reso noto fonti ufficiali, mentre il leader del partito socialista, Diosdado Cabello, afferma che alte persone potrebbero essere arrestate con la stessa accusa. Il leader dell'opposizione, Juan Guaido, sta frattanto esortando le forze armate ad abbandonare il presidente Nicolas Maduro e favorire il rientro del Venezuela nel solco costituzionale.
    Secondo fonti ufficiali, elementi della Guardia Nazionale hanno oggi preso prigioniero un capitano responsabile di una stazione di polizia di Caracas e hanno poi rubato delle armi in un altra postazione. Diverse ore fa, il ministero della Difesa ha reso noto che un "ridotto gruppo di incursori" della Guardia Nazionale bolivariana erano stati arrestati dopo che si erano si asserragliati in armi nella sede dell'unità speciale di sicurezza Waraira Repano, nel quartiere di Cotiza a Caracas.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA