Benzina e diesel, aumento prezzi in Germania contro inquinamento

Rincaro fino a 15 cent/litro entro il 2026, ridotte le tasse sulla mobilità green

Motori Attualità
Chiudi Benzina e diesel, aumento prezzi in Germania contro inquinamento (ANSA) Benzina e diesel, aumento prezzi in Germania contro inquinamento

 La Germania di Angela Merkel mette sul piatto 100 miliardi di euro entro il 2030 (54 entro il 2023) per riconvertire l'economia nel segno della sostenibilità. L'atteso pacchetto salva-clima di Berlino ha finalmente visto la luce dopo settimane di trattative serrate e 18 ore di liti ininterrotte nella coalizione di governo, complicate da una pressione mediatica senza precedenti, con la capitale tedesca assediata dalla più grande manifestazione per il clima mai vista finora. L'obiettivo è diminuire le emissioni di gas serra del 55% entro il 2030 e diventare 'neutrali' dal punto di vista climatico entro il 2050, ha annunciato la cancelliera in conferenza stampa dopo la maratona negoziale tra la sua Unione e i socialdemocratici che formano la Grosse Koalition.

Per raggiungere questi propositi ambiziosi però il pareggio di bilancio non verrà toccato. Le misure saranno sostenute senza fare nuovi debiti, sebbene si annunci per il futuro l'introduzione di green-bond all'interno di una strategia che punta a fare della Germania un centro della finanza verde. La formula studiata a Berlino prevede dissuasione e compensazione, per spingere i cittadini verso un settore scoraggiandone un altro. La misura più importante del pacchetto, a detta del ministro delle Finanze Olaf Scholz, è quella che prevede l'introduzione di un prezzo per la produzione di gas serra nei settori della mobilità e della riqualificazione energetica degli edifici, secondo il principio che "chi più inquina più paga". Il prezzo sarà calcolato con il sistema dei certificati di emissioni e crescerà in modo progressivo nell'arco dei prossimi anni a partire dal 2021.

Riguardo alla mobilità, il governo prevede un aumento graduale della benzina e del diesel, dai 3 ai 10-15 centesimi al litro entro il 2026. Di contro saranno alzate le detrazioni fiscali sul carburante dei pendolari, in modo da compensare gli svantaggi dell'aumento della benzina, e saranno ridotte le tasse sul consumo di energia elettrica green.

Sul fronte della riqualificazione energetica degli edifici saranno incentivate le rottamazioni, in particolare delle caldaie a gasolio. Una loro sostituzione sarà sostenuta con incentivi del 40% dei costi. Ma a partire dal 2025 ne sarà vietata l'installazione, perché considerate di notevole impatto ambientale per la produzione di CO2. Come annunciato nei giorni scorsi, l'Iva sui biglietti aerei sarà aumentata, mentre sarà tagliata quella sui treni. Nuovo impulso infine sarà dato alle energie rinnovabili, che entro il 2030 dovranno raggiungere il 65% della produzione totale. Dopo la presentazione del pacchetto, critiche sono piovute comunque dai movimenti ambientalisti, che ritengono le misure insufficienti. "Uno scandalo, non un passo avanti", lo hanno definito da Fridays for Future, mentre la co-leader dei verdi tedeschi Annalena Baerbock ha parlato di un'opportunità storica sprecata: "Il prezzo per la CO2 è ridicolo e arriva troppo tardi". "Ma la politica è fare quello che è possibile", aveva avvertito Merkel anticipando le critiche.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Clima, parlano i due giovani italiani al summit Onu

Federica, emozionante. Federico, ragazzi da parole a fatti

Ambiente & Energia Clima
Chiudi Federica Gasbarro con Greta Thunberg allo Youth Climate Summit   (ANSA) Federica Gasbarro con Greta Thunberg allo Youth Climate Summit

"Toccante ed emozionante". "I giovani stanno passando dalle parole ai fatti". Cosi' Federica Gasbarro e Federico Brocchieri, i due giovani che rappresentano oggi l'Italia allo Youth Climate Summit dell'Onu a New York, descrivono l'evento che ha coinvolto oltre 500 ragazzi da tutto il mondo, fra i quali Greta Thunberg.
    "E' stato toccante ed emozionante - racconta Federica Gasbarro, 24 anni, romana, studentessa di Scienze Naturali, attivista di Fridays For Future -. Il dialogo intergenerazionale c'e' stato. I cinque ragazzi le cui proposte sono state scelte dalla giuria di esperti hanno potuto illustrarle, e i membri della giuria hanno fatto loro domande. A me hanno colpito tanto le parole del segretario generale dell'Onu Antonio Guterres: 'c'e' gia' chi muore per il clima, continuate a lottare, il futuro e' vostro'".
    Per Federico Brocchieri, 27 anni, romano, laureato in Ingegneria Ambientale ed Economia, ricercatore dell'Ispra in materia di clima, "e' stato un incontro molto positivo. Hanno parlato ragazzi con progetti innovativi. E' stata una bella mattinata, all'insegna della partecipazione dei giovani.
    D'altronde, questo evento chiede ai ragazzi di essere protagonisti. E' segno che i giovani stanno passando dalle parole ai fatti. Non solo sollevare l'attenzione dei politici, ma anche fare proposte concrete".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Raduno di 'cinquantini' al Mugello, Ciao, Sì e Garelli

Evento vintage con successi a due ruote dagli anni '50 ai '70

Motori Due Ruote
Chiudi  (ANSA)

Gli appassionati e possessori degli storici 'cinquantini', i motorini nati fra gli anni '70 e '90 con cilindrata di 50 centimetri cubici sono tornati a riunirsi all'autodromo del Mugello dove in questo weekend è in svolgimento il Civ, il campionato italiano velocità di motociclismo, giunto al penultimo appuntamento del 2019.
    Nel 'I50iniVintage', questo il nome del particolare raduno, è stato possibile ammirare i rulli, come i Mosquito, ciclomotori celebri capitanati dai famosissimi Ciao, Sì, Bravo e Garelli, e altri mezzi elaborati o customizzati dove a farla da padrona è stata soprattutto la fantasia. Dopo aver girato al Mugellino, la pista di kart e minimoto situata nel paddock della pista toscana, a fine giornata sono stati aperti i cancelli della pista 'vera' per dare l'emozione di girare coi propri, piccoli mezzi, sul circuito del Motomondiale.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Via Japan, a Roma tre giorni di street food giapponese

Dall'11 al 13 ottobre proposte tipicità, dal tempura al ramen

Terra & Gusto Fiere & Eventi
Chiudi Via Japan, torna a Roma festival street food giapponese (ANSA) Via Japan, torna a Roma festival street food giapponese

Un viaggio di tre giorni per conoscere la tradizione enogastronomica del Giappone: a Roma, dall'11 al 13 ottobre parte la nuova edizione di "Via Japan", festival dedicato allo street food nipponico presso lo spazio espositivo di Officine Farneto e organizzato da Studio Food, Asse Communication, Yes International, Officine Farneto e Akira Yoshida.
La rassegna, immaginata dagli ideatori come una affollata via di Tokyo con 15 izakaya giapponesi, negozio di saké dove ci si siede, intende aprire un canale di scambio culturale e commerciale e divulgare la cultura giapponese in Italia attraverso la collaborazione di professionisti e aziende giapponesi operanti nella penisola. La rassegna, con una proposta di tipicità alimentari come onigiri, yakitori, takoyaki, tempura e ramen e cooking-show, prevede la partecipazione di oltre 20 chef del Giappone in uno spazio, interno ed esterno di più di 3.000mq. Il programma della rassegna prevede masterclass, degustazioni, laboratori e cene stellate con la collaborazione degli chef Iside de Cesare e Daniele Usai.(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Moto: 'Ride for lifes' compie 10 anni, beneficenza con i motori

Si svolgerà a Carpi il 23 e 24 novembre

Motori Due Ruote
Chiudi 'Ride for life' (ANSA) 'Ride for life'

Si svolgerà a Carpi (Modena) il 23 e 24 novembre la 10/a edizione di 'Ride for life', manifestazione di beneficenza che in dieci anni ha raccolto ben 309.000 euro di raccolta. L'evento, presentato oggi all'autodromo del Mugello dove è in svolgimento la quinta tappa del Campionato italiano velocità di motociclismo, è organizzato dalla onlus 'Riders4Riders' che si occupa di raccogliere fondi per assistere i motociclisti gravemente infortunati e per sostenere la ricerca per la cura delle mielolesioni, e prevede gare di cross, enduro, quad, karting, pit-bike ed e-bike con la partecipazione di grandi piloti della MotoGp come Andrea Dovizioso, Michele Pirro, Marco Melandri e tanti altri nomi famosi a livello internazionale del mondo delle due ruote.
    Il 23 settembre, dopo un incontro per parlare di sicurezza stradale e in pista, si svolgerà una cena con i campioni, il cui ricavato verrà interamente devoluto in beneficenza, così come la somma raccolta dalla lotteria e da una pesca con ricchi premi.
    Altri contributi arriveranno dall'asta organizzata dalla Federazione motociclistica italiana insieme allo sponsor Airoh che metterà a disposizione un esemplare, unico nella particolare grafica dedicata all'evento, del nuovo casco GP550 S.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Dl clima: Costa, preoccupazioni sono infondate

"Temono la riduzione dei sussidi ambientalmente dannosi"

Ambiente & Energia Istituzioni e UE
Chiudi Dl clima: Costa, preoccupazioni sono infondate (ANSA) Dl clima: Costa, preoccupazioni sono infondate

"Sto leggendo di tantissime preoccupazioni da parte di alcuni settori produttivi" sul Decreto Clima "ma sono infondate. Temono tutti l'articolo 6" sulla "Riduzione dei sussidi ambientalmente dannosi" che "corrispondono a oltre 19 miliardi di euro che lo Stato paga e sono centinaia" ma "nessuno resterà indietro". Lo scrive il ministro dell'Ambiente, Sergio Costa, sul proprio profilo Facebook, rispondendo alle preoccupazioni sollevate dal provvedimento portato dal ministro in preconsiglio dei ministri.

Da New York dove partecipa "al summit mondiale per il clima", il ministro osserva che "sono giorni importantissimi". "Stiamo scrivendo il primo decreto che finalmente contrasta i cambiamenti climatici. Dobbiamo osare. E per osare dobbiamo trovare gli strumenti adatti per combattere tutti insieme". Riferendosi all'articolo 6 (pubblicato in fondo al post), il ministro aggiunge: "Trovate dove c'è scritto più tasse, o agricoltura penalizzata. Gli agricoltori sono i nostri primi alleati per la tutela dell'ambiente". Sui sussidi ambientalmente dannosi, "la proposta è di fare un taglio costante negli anni, da qui al 2040, graduale. E proprio questi settori saranno invece incentivati con sussidi ambientalmente favorevoli così che li aiutiamo a produrre tutelando l'ambiente. A costo zero - prosegue Costa - Capisco che rivoluzionare il paradigma economico e ambientale dell'Italia possa spaventare, ma nessuno resterà indietro e con le necessarie limature frutto di un confronto laico tra i ministeri riusciremo a far approvare il miglior provvedimento possibile".

"Art. 6 (Riduzione dei sussidi ambientalmente dannosi)
1. A partire dall’anno 2020, le spese fiscali dannose per l’ambiente indicate nel Catalogo dei sussidi ambientalmente dannosi istituito presso il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare ai sensi dell’articolo 68 della legge 28 dicembre 2015, n. 221, sono ridotte nella misura almeno pari al 10 per cento annuo a partire dal 2020 sino al loro progressivo annullamento entro il 2040.

2. All’individuazione dei sussidi ai sensi del comma 1 si provvede in sede di legge di bilancio annuale e i relativi importi sono destinati, nella misura del 50 per cento, a uno specifico fondo istituito presso il Ministero dell’economia e delle finanze per il finanziamento di interventi in materia ambientale, con priorità alla revisione dei sussidi ambientalmente favorevoli, alla diffusione e innovazione delle tecnologie e dei prodotti a basso contenuto di carbonio e al finanziamento di modelli di produzione e consumo sostenibili.

3. Con decreto del Ministro dell’economia e delle finanze di concerto con il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, il Ministro dello sviluppo economico e il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, si provvede annualmente al riparto del fondo di cui al comma 2 secondo le finalità ivi indicate."

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Torna la campagna per donare il midollo, monumenti in rosso

Mezzo milione già iscritti al registro, ma serve ampliare numero

Salute & Benessere Sanità
Chiudi Torna la campagna per donare il midollo, monumenti in rosso (ANSA) Torna la campagna per donare il midollo, monumenti in rosso

Il numero dei donatori di midollo osseo è più che raddoppiato in 20 anni ma ancora tanta strada c'è da fare per ampliare il registro che permette di trovare quello giusto per chi ne ha bisogno. Torna per questo nelle piazze italiane dal 21 al 29 settembre, Match It Now, la campagna per sensibilizzare i giovani sulla donazione del midollo osseo, che prende il via oggi in occasione del World Marrow Donor Day.
    A fine 2018, il Registro Italiano Donatori di Midollo Osseo (IBMDR) è arrivato a contare 558.000 iscritti. Continuare ad aumentarne il numero e, quindi, i profili genetici disponibili nell'inventario, può assicurare una chance di cura per quei pazienti, affetti da gravi malattie del sangue, come talassemia e leucemie, che non trovano all'interno della famiglia un donatore compatibile. Saranno 180 le piazze coinvolte su tutto il territorio nazionale: volontari, medici e personale sanitario scenderanno in campo per fornire tutte le informazioni sul tema e per offrire la possibilità di diventare potenziali donatori di midollo osseo attraverso un primo screening. "Iscriversi come donatore attraverso un semplice prelievo di saliva o sangue - afferma Nicoletta Sacchi, direttore Registro IBMDR - è un piccolo gesto che può salvare una vita". Sul sito www.matchitnow.it è presente l'elenco completo degli eventi in programma e le città del nostro Paese che illumineranno di rosso un monumento o piazza per richiamare l'attenzione sul tema.
    (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Al via Oktoberfest, attese 6 milioni di persone

A Monaco di Baviera la più grande kermesse popolare al mondo

Terra & Gusto In breve
Chiudi  (ANSA)

 E' iniziata a Monaco di Baviera l'edizione annuale dell'Oktoberfest, la festa della birra che si presenta come la fiera popolare più grande del mondo. Fino al 6 ottobre milioni di visitatori berranno almeno altrettanti litri di birra e mangeranno salsicce, polli arrosto, ciambelle salate (i Brezel) e altre specialità su lunghe tavolate sotto in enormi tendoni da migliaia di posti (anche diecimila) nel "Wiesn", il "prato" sito nella parte sud-occidentale della città tedesca.
    Orchestre bavaresi e un lunapark allietano l'atmosfera. Per il 186/o Oktoberfest ci si aspettano di nuovo più di sei milioni di amanti delle sei marche di birre storiche bavaresi e sono mobilitati 600 agenti di polizia e molte centinaia di persone del servizio d'ordine e l'area è anche stavolta recintata per rendere più efficaci i controlli di sicurezza condotti a campione agli ingressi. Il mass, il tradizionale boccale da un litro, costaal massimo 11,80 euro, 30 cent in più dell'anno scorso quando ne furono riempiti 7,5 milioni

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Conte, sì alla tassa su merendine e bibite gassate

Per il premier è una soluzione praticabile

Terra & Gusto In breve
Chiudi Il premier Giuseppe Conte (ANSA) Il premier Giuseppe Conte

Il premier Giuseppe Conte interviene alla festa dei giovani di Fratelli d'Italia e parla anche di manovra appoggiando in sostanza la tassa proposta dal ministro dell'Istruzione Fioramonti. "Mi pare praticabile", dice rispondendo a Bruno Vespa che gli chiede sulla proposta del ministro dell'Istruzione Lorenzo Fioramonti: trovare risorse tassando merendine, bibite gassate e aumentando i biglietti aerei di un euro per i voli nazionali e di 1,5 euro quelli internazionali.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

MeetMeTonight, la notte dei ricercatori lunga una settimana

Il clou venerdì e sabato, tra Lombardia e Campania

Scienza & Tecnica Ricerca & Istituzioni
Chiudi Il logo della manifestazione MeetMeTonight (fonte: MeetMeTonight) (ANSA) Il logo della manifestazione MeetMeTonight (fonte: MeetMeTonight)

Il 27 e 28 settembre torna 'MEETmeTONIGHT - Faccia a faccia con la ricerca', la due giorni di divulgazione scientifica che celebra tra Lombardia e Campania la Notte europea dei ricercatori e che quest'anno a Milano, in particolare, diventa extralong con eventi diffusi a partire da lunedì 23 settembre.

Centinaia le iniziative gratuite, come laboratori interattivi, mostre, dibattiti, percorsi per le scuole, film, concerti e spettacoli teatrali. L'appuntamento è a Milano, Brescia, Lodi, Castellanza, Mantova, Cremona, Monza, Edolo, Lecco, Sondrio, Napoli, Portici e Procida, con un ricco programma che è stato presentato al Museo civico di Storia Naturale di Milano dai promotori: Università di Milano-Bicocca, Politecnico di Milano, Statale di Milano, Federico II di Napoli e Comune di Milano.

Organizzata grazie al sostegno della Commissione Europea e il contributo di Fondazione Cariplo e Fondazione Invernizzi, la manifestazione giunta ormai all'ottava edizione alzerà ancora una volta il sipario sul mondo della ricerca scientifica a 360 gradi, affrontando diverse aree tematiche come scienza e tecnologia, cultura e società, ambiente, salute e patrimonio culturale. Solo a Milano saranno mille i ricercatori coinvolti, con 45 stand, 15 talk, 2 film, 3 spettacoli, un corner dedicato all'Unione europea e un evento-dibattito certificato dalla Commissione europea.

La location principale resta sempre quella dei Giardini Indro Montanelli, aperti dalle 10 alle 22, ma si potrà entrare gratuitamente anche all'Acquario civico, al Planetario Ulrico Hoepli e al Museo di Storia Naturale. Attività divulgative, performance artistiche e musei a porte aperte ci saranno anche in Campania, dove l'Università Federico II di Napoli ha organizzato eventi presso il Complesso dei Santi Marcellino e Festo di Napoli, la Reggia di Portici, la sezione di Scienze della vigna e del vino di Avellino e in piazza Marina Grande di Procida.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Ue, stretta su Horizon Europe o si rischiano ritardi

La Commissione Europea punta a chiudere i negoziati entro l'anno

Scienza & Tecnica Ricerca & Istituzioni
Chiudi Logo di Horizon Europe, il nuovo programma quadro della ricerca europea (fonte: Commissione Europea) (ANSA) Logo di Horizon Europe, il nuovo programma quadro della ricerca europea (fonte: Commissione Europea)

Chiudere entro dicembre i negoziati su Horizon Europe, il prossimo programma quadro europeo di ricerca per il periodo 2021-2027: è questo l'obiettivo che intende raggiungere la Commissione europea per evitare che partano in ritardo i primi bandi di concorso per il 2021. Ad affermarlo è Massimo Gaudina, capo della Rappresentanza a Milano della Commissione Europea, tra gli ospiti al Museo di Storia Naturale per la presentazione della due giorni di divulgazione scientifica MeetMeTonight, evento ufficiale della Notte europea dei ricercatori, in programma per il 27 e 28 settembre.

"I negoziati su Horizon Europe sono ancora in corso", racconta Gaudina. "La base di partenza è la proposta della Commissione europea da 100 miliardi di euro, ma la decisione finale spetta a Parlamento europeo e Consiglio dei ministri, cioè i rappresentanti dei cittadini e dei governi".

Mentre i primi vorrebbero addirittura aumentare gli investimenti a 120 miliardi, i secondi vogliono ridurre l'insieme del bilancio europeo 2021-27, "riducendo proporzionalmente anche quello destinato alla ricerca", spiega Gaudina. "L'obiettivo della Commissione è concludere il negoziato il più presto possibile, perché se si va oltre dicembre rischiamo di partire in ritardo con i bandi del 2021 che devono già uscire nel 2020. E' importante essere veloci nel raggiungere una soluzione sostanziosa e soddisfacente per tutti, ma il problema è che ci vuole l'unanimità per il pacchetto globale del bilancio europeo, non è facile. Ci stiamo lavorando, c'è la volontà da parte della Commissione europea come di tanti Paesi e anche della presidenza di turno finlandese".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Dalla foto del buco nero alle protesi, cresce l'Europa della ricerca

Industria e intelligenza artificiale sono le nuove sfide

Scienza & Tecnica Ricerca & Istituzioni
Chiudi La prima fotografia di un buco nero, si trova nella galassia M87, a 55 milioni di anni luce dalla Terra (fonte: Collaborazione EHT) (ANSA) La prima fotografia di un buco nero, si trova nella galassia M87, a 55 milioni di anni luce dalla Terra (fonte: Collaborazione EHT)

L'Europa della ricerca continua a crescere: oltre 150 i miliardi investiti negli ultimi 35 anni con otto programmi quadro, di cui l'ultimo, Horizon 2020 ormai giunto a scadenza, ha portato grandi successi come la prima immagine di un buco nero e la recentissima scoperta di acqua su un pianeta abitabile a 110 anni luce da noi. A ricordarlo è il capo della Rappresentanza a Milano della Commissione Europea, Massimo Gaudina, tra gli ospiti della presentazione di MeetMeTonight, evento ufficiale della Notte europea dei ricercatori, in programma per il 27 e 28 settembre.

"L'Europa della ricerca funziona molto bene - dice Gaudina - e ce lo hanno dimostrato recentemente anche tre importanti novità scientifiche balzate sulle prime pagine dei giornali: mi riferisco alla scoperta dell'acqua su un pianeta potenzialmente abitabile che si trova a 110 anni luce dalla Terra, alla protesi di mano intelligente costruita e sperimentata tra la Svezia e la Scuola Sant'Anna di Pisa, e la foto del secolo, la prima immagine di un buco nero pubblicata ad aprile.

Tutti questi risultati sono frutto di progetti finanziati dall'Unione europea, anche se forse questo messaggio è arrivato un po' diluito ai cittadini". Per consolidare la posizione europea a livello globale, la Commissione intende ora cogliere due nuove sfide: rinforzare la ricerca industriale con la nascita dello European Innovation Council, focalizzato su temi prioritari come il clima, i tumori e l'alimentazione; poi la sfida dell'intelligenza artificiale, della cybersicurezza e della competenza digitale dei giovani, con il nuovo programma Digital Europe da 9 miliardi di euro.

"Dobbiamo infatti ricordarci - sottolinea Gaudina - che già oggi in Europa ci sono 300 mila posti vacanti perché mancano profili qualificati". Nei prossimi mesi l'Italia sarà ancora protagonista: a gennaio porterà Mauro Ferrari a capo del Consiglio Europeo della Ricerca (Erc) mentre a luglio ospiterà l'EuroScience Open Forum (Esof) a Trieste.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Università, basta con i concorsi 'malati' per ricercatori

Appello dei rettori milanesi per nuove modalità di reclutamento

Scienza & Tecnica Ricerca & Istituzioni
Chiudi Appello dei rettori per nuove modalità di reclutamento dei ricercatori (fonte: Commissione Europea) (ANSA) Appello dei rettori per nuove modalità di reclutamento dei ricercatori (fonte: Commissione Europea)

Basta con i "concorsi malati" e la burocrazia per il reclutamento dei ricercatori nelle università italiane: servono nuove modalità ispirate a criteri di trasparenza e meritocrazia, che diano agli atenei la libertà di scegliere responsabilmente, anche con una cooptazione virtuosa. E' questa l'appello lanciato dai rettori di Università degli Studi di Milano, Milano-Bicocca e Politecnico al Museo di Storia Naturale in occasione della presentazione della due giorni di divulgazione scientifica MeetMeTonight, in programma per il 27 e 28 settembre. "Non vogliamo chiedere risorse, però non possiamo pensare di gestire le università come altre realtà della pubblica amministrazione", sottolinea Ferruccio Resta, rettore del Politecnico di Milano. "Dobbiamo ripensare e riposizionare la figura del ricercatore e fare in modo che le università per prime possano scegliere, ridefinendo le modalità di reclutamento. Bisogna che siano riconosciute le competenze specifiche. Dobbiamo abbandonare la logica del concorso e pensare al valore della scelta senza ipocrisia, ma con coraggio e responsabilità". "Così com'è, il reclutamento è malato", afferma Cristina Messa, rettore dell'Università di Milano-Bicocca. "Nei concorsi, per evitare mal comportamenti, si è arrivati al punto di non scegliere più la persona ma dei numeri, come l'H-index, l'impact factor, la produzione scientifica calcolata con algoritmi. Bisognerebbe avere il coraggio di dire che ci sono altri meccanismi per reclutare, all'estero ne usano di completamente diversi: la cooptazione seria, fatta per gestire e mandare avanti il proprio ateneo, può essere virtuosa, ma deve essere trasparente ed evidente a tutti". Sulla stessa linea anche Elio Franzini, rettore dell'Università degli Studi di Milano, che condivide l'idea di "svincolare i concorsi universitari da quelli comuni per la pubblica amministrazione per fare un sistema virtuoso di cooptazione"

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Corruzione: arrestati 3 funzionari Anas

Indagine della Procura etnea,"rodati circuiti corruttivi"

Legalità & Scuola Altre News
Chiudi  (ANSA)

(ANSA) CATANIA, 21 SET - Tre funzionari dell'Anas di Catania addetti alla manutenzione di strade della Sicilia Orientale sono stati arrestati in flagranza di reato dalla Guardia di finanza per corruzione. Gli arresti sono stati convalidati dal Gip.I provvedimenti restrittivi s'inseriscono in una più ampia indagine coordinata dalla Procura etnea e delegata al Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria delle Fiamme Gialle di Catania, finalizzata a scoprire l'esistenza nell'ente di "rodati circuiti corruttivi che vedono coinvolti funzionari responsabili della manutenzione programmata di strade e raccordi della Sicilia Orientale e imprenditori compiacenti". I particolari dell'operazione saranno illustrati in una conferenza stampa in programma stamane alle 10.30 nella Procura Distrettuale della Repubblica di Catania alla presenza del Procuratore Carmelo Zuccaro.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Le cellule tumorali possono diventare cannibali

Per sopravvivere alla chemioterapia

Scienza & Tecnica Biotech
Chiudi Cellule tumorali di topo. In rosso le cellule divorate dalle loro simili (in verde) (fonte: Tonnessen-Murray et al., 2019) (ANSA) Cellule tumorali di topo. In rosso le cellule divorate dalle loro simili (in verde) (fonte: Tonnessen-Murray et al., 2019)

Le cellule tumorali possono diventare cannibali: per sopravvivere alla chemioterapia cercano di immagazzinare energia divorando le loro vicine. Lo indica lo studio pubblicato sul Journal of Cell Biology dal gruppo dell'americana Tulane University coordinato da Crystal Tonnessen-Murray. La scoperta potrebbe aprire la strada a nuove terapie.

E' noto che in alcuni tumori, come quelli del seno, non tutte le cellule tumorali vengono distrutte dalla chemioterapia, ma alcune di esse possono emtrare in uno stato dormiente chiamato senescenza. In questa condizioni le cellule del tumore smettono di proliferare, sebbene siano ancora metabolicamente attive, tanto da produrre grandi quantità di molecole infiammatorie e altri fattori che possono favorire la ricrescita del tumore.

Adessp, studiando le cellule tumorali sia nei topi sia nelle colture in provetta, si è scoperto che dopo la chemioterapia le cellule tumorali senescenti spesso mangiano le cellule tumorali vicine. Questo comportamento sorprendente è stato osservato nelle cellule di alcune forme di tumore di seno, polmoni e ossa.

La ricerca ha inoltre scoperto che questo accade perché le cellule tumorali senescenti attivano un gruppo di geni che normalmente sono attivi nei globuli bianchi per permettere loro di ingoiare i microrganismi invasori o i detriti cellulari. E' stato visto che dopo aver ingoiato le loro vicine, le cellule cancerose senescenti sono sopravvissute in coltura più a lungo delle cellule tumorali senescenti che non lo hanno fatto. I ricercatori pensano che il consumo delle loro vicine possa fornire a queste cellule l'energia di cui hanno bisogno per sopravvivere e produrre i fattori che guidano la ricaduta del tumore e il prossimo passo sarà cercare molecole in grado di bloccare il meccanismo perché, secondo uno degli autori, James Jackson, "l'inibizione di questo processo potrebbe fornire nuove opportunità terapeutiche".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Torna Progetto Valore Volkswagen con anticipo zero

Offerta che spazia da 129 euro/mese della Up! a 269 di T-Roc TSI

Motori Guida agli Acquisti
Chiudi Torna Progetto Valore Volkswagen con anticipo zero (ANSA) Torna Progetto Valore Volkswagen con anticipo zero

Ritorna Progetto Valore Volkswagen (PVV) con anticipo zero, che rende la gamma Volkswagen ancora più accessibile. È la risposta a un mondo dell'auto sempre più complicato, dove scegliere il modello e soprattutto l'alimentazione giusta per l'immediato futuro sembra un'impresa impossibile. L'offerta spazia tra i 129 euro al mese della Up! fino ai 269 euro al mese della T-Roc TSI e permette di avere una nuova Volkswagen per tre anni senza dovere versare alcun anticipo.

L'occasione per approfondire questa e altre offerte, oltre che per scoprire la nuova Passat - recentemente aggiornata tecnicamente - arriva con il Porte Aperte in questo weekend del 21 e 22 settembre, con replica il 28-29 settembre. Per eliminare ogni dubbio e rassicurare i propri clienti, Volkswagen viene incontro a chi vuole acquistare un'auto nuova o sostituire quella usata rendendo più accessibili i modelli più popolari della sua gamma. Lo fa attraverso Progetto Valore Volkswagen con anticipo zero, una formula finanziaria che permette di poter contare sulla sicurezza del valore futuro garantito, sulla certezza di un'offerta trasparente e per tutti, senza dimenticare le consolidate affidabilità, qualità e durata nel tempo delle automobili Volkswagen. Nel dettaglio, l'offerta permette di avere la city car Move Up! 1.0 60 Cv a 129 euro al mese (TAN 3,99%, TAEG 5,68%), la Polo 1.0 EVO 80 Cv Comfortline a 189 euro al mese (TAN 3,99%, TAEG 5,17%) o, ancora, la Golf 1.0 TSI 115 Cv Trendline a 229 euro al mese (TAN 3,99%, TAEG 4,96%) e la T-Roc 1.5 TSI ACT 150 CV Style a 269 euro al mese (TAN 3,99%, TAEG 4,80%. Progetto Valore Volkswagen con anticipo zero ha una durata di tre anni e, oltre a un chilometraggio adeguato al modello scelto, include l'estensione di garanzia Extra Time 2 anni o fino a 80.000 km. Al termine della durata del contratto, il Cliente può decidere se restituire l'auto, acquistarla (magari rifinanziandola) o sceglierne una nuova sfruttando ancora la formula del PVV o altre offerte finanziarie della Volkswagen. La promozione Progetto Valore Volkswagen è accompagnata da uno spot televisivo in onda sulle principali emittenti nazionali che, sulle note del brano Cry Baby cantato da Janis Joplin, racconta con ironia la confusione di chi - in uno scenario complesso e in continua evoluzione - non sa come scegliere l'auto giusta. Dopo un crescendo di preoccupazioni legato alle tante possibili motorizzazioni e ai dubbi su ZTL e CO2, compare una domanda: Scegliere un'auto è davvero così complicato?. La risposta della Volkswagen è chiara e semplice: no, grazie all'anticipo zero e al Valore Futuro Garantito, Up!, Polo, Golf e T-Roc sono accessibili a tutti 'senza asterischi'.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Mitsubishi L200 pick-up, pronta al debutto sesta generazione

Prodotto in Thailandia, è in questi giorni negli showroom europei

Motori Prove e Novità
Chiudi Mitsubishi L200 pick-up, pronta al debutto sesta generazione (ANSA) Mitsubishi L200 pick-up, pronta al debutto sesta generazione

Quaranta anni dopo il lancio del suo primo pick-up nella categoria da una tonnellata di portata e con 4,7 milioni di esemplari venduti a livello globale, Mitsubishi Motors Corporation lancia la sesta generazione del pickup L200. Al secondo posto della classifica delle vendite globali di MMC, posizionandosi tra Outlander e ASX, L200 svolge un ruolo decisivo per l'azienda, a partire dalla regione strategica dell'ASEAN che incide per ± 30% del mercato globale dei pick-up da una tonnellata. Abbinando affidabilità, confort e prestazioni migliorate sia su strada che in off-road - grazie alla funzione di trazione Super Select 4WD 2 permanente potenziata con la nuova modalità "Off Road" e il sistema Hill Descent Control - il nuovo pick-up Mitsubishi arriva negli showroom europei a partire da questo mese di settembre. Viene prodotto per i mercati globali in Thailandia, il Paese dove MMC opera maggiormente dopo il Giappone.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Da Pompei a Trieste al via le Giornate del Patrimonio

Aperture serali a 1 euro . Franceschini,"E' festa popolare"

ViaggiArt Bellezza
Chiudi Galleria Borghese, la Sala degli Imperatori (ANSA) Galleria Borghese, la Sala degli Imperatori

   POMPEI-  A Pompei riaprono dopo i restauri le Terme del Foro, a Roma il Parco del Colosseo spalanca le porte in via straordinaria della Schola Praeconum, edificio romano di età severiana. Solo due occasioni delle tantissime offerte anche quest'anno dalle Giornate Europee del Patrimonio al via oggi, sabato 21 settembre, e domani nei musei statali italiani e non solo.

"Una festa popolare", sottolinea il ministro della cultura Franceschini ricordando che in tutti i siti italiani, la sera di sabato, si potrà entrare pagando un contributo simbolico di 1 euro. "E' un importante appuntamento per avvicinare e far conoscere a tutti la ricchezza e la diversità del patrimonio culturale - ribadisce il ministro - Un modo per incoraggiare la partecipazione e trasmettere alle nuove generazioni i valori della tutela e dell'identità europea".
    Nella capitale c'è n'è per tutti gusti, l'occasione è ghiotta anche per entrare di sera nelle opulente sale di Palazzo Farnese, sede dell'Ambasciata di Francia, e una visita la merita anche Villa Giulia con le sue meraviglie etrusche. Ma oltre Roma naturalmente c'è di più.

A Firenze per esempio, dove Uffizi e Accademia aprono di sera (19-22) per un solo euro, nel primo caso con una una visita guidata alla scoperta delle Grottesche che adornano i soffitti dei corridoi (partenza ore 19,30), nel secondo con una lezione sulle opere del Tardogotico tenuta da coordinatore del museo Angelo Tartuferi.

A Trieste il castello di Miramare apre le porte sabato sera per un concerto nella sala del Trono. Dal Friuli alla Calabria dove nel Parco Archeologico di Capo Colonna  sabato alle 10.30 verrà presentato un nuovo reperto, una testa di cavallo in marmo appartenente alla decorazione del tempio di età classica nel santuario greco sul promontorio.

Aperture serali e visite guidate di ogni specie anche in Abruzzo per esempio a Sulmona, dove si potrà entrare di sera nella domus di Arianna all'interno del Palazzo dell'Annunziata, mentre a Teramo si può optare per una passeggiata archeologica, sempre guidati da un esperto, tra gli edifici di spettacolo dell'antica Interamnia: teatro e anfiteatro romano, aree archeologiche di piazza Sant'Anna e di Madonna delle Grazie.

Nel Parco di Ercolano la visita notturna alle rovine della città romana che fu compagna di sventura della vicina Pompei, si arricchisce di uno spettacolo di luci e performance.

Una magia che sicuramente si ritrova nella Valle dei templi di Agrigento che aderisce alle Giornate Europee con un percorso al calar del sole dedicato alla mitologia, alla storia di Agrigento e della Valle. Senza dimenticare i più giovani: a loro è dedicata la speciale caccia al tesoro tra le vetrine organizzata domenica mattina nello splendido museo archeologico Pietro Griffo che affianca il sito e ne custodisce la memoria.
    Tutte le informazioni sul sito del ministero dei beni culturali (www.beniculturali.it).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Fiat 500X Sport ammirata anche da CT della Nazionale Mancini

Nel week end secondo Porte Aperte per il crossover top di gamma

Motori Prove e Novità
Chiudi Fiat 500X Sport ammirata anche da CT della Nazionale Mancini (ANSA) Fiat 500X Sport ammirata anche da CT della Nazionale Mancini

Dopo la presentazione internazionale della Nuova Fiat 500X Sport, avvenuta la scorsa settimana al Centro Tecnico Federale di Coverciano, anche Roberto Mancini commissario tecnico della Nazionale Roberto Mancini ha avuto la possibilità di ammirare, questa volta nello storico stabilimento Mirafiori, l'ultima arrivata nella gamma delle 500. Mancini è stato accolto a Torino da Luca Napolitano, Head of Fiat and Abarth Brands EMEA che aveva a sua volta incontrato, durante l'evento a Coverciano, il grande Antonio Cabrini (campione del mondo nel 1982) e Gabriele Gravina presidente della Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC). Dopo Urban e Cross, questa nuova versione del crossover Fiat 500X - best seller nel suo segmento - ha debuttato nello scorso week end nelle concessionarie Fiat (con replica in questo del 21-22 e nel prossimo del 28-29 settembre) collocandosi nella rinnovata famiglia delle %00X come un originale e inedito top di gamma.


A fianco delle due declinazioni che rispecchiano la sua doppia anima - ovvero quella più metropolitana, tecnologica e connessa e quella più off-road, per vivere piacevoli avventure fuori città - Fiat 500X Sport esalta infatti la sportività più pura. Le novità non sono solo estetiche la trasformano il carattere e il comportamento su strada di questo crossover facendo di Fiat 500X Sport una valida e moderna alternativa alle vetture compatte del segmento C dal look sportivo. Si tratta di una fascia di mercato in crescita che vale più di 500 mila unità l'anno in Europa. Grazie alle caratteristiche tecniche riviste, la variante Sport regala ancora più agilità, sicurezza e divertimento, confermando di essere uno straordinariocrossover'dynamic', che trova la sua massima espressione nella variante dotata del propulsoreFireFly Turbo 1.3 da 150 Cv di potenza e 270 Nm di coppia. Il tutto è abbinato alle nuove regolazioni delle sospensioni, all'assetto più basso, alla taratura del sistema sterzante, agli inediti cerchi da 19 pollici con pneumatici ad alte prestazioni 225/40 e - naturalmente - al look più dinamico.

Rispetto alla 500X Cross con cerchi da 18 pollici - la nuova versione sportiva evidenzia un aumento dell'8% dell'accelerazione laterale, che si traduce in un miglioramento della tenuta e della sicurezza attiva. Il nuovo tuning delle sospensioni esalta notevolmente la reattività d'ingresso in curva, tanto da ridurre il sottosterzo del 26%, così come il sovrasterzo che si riduce del 17%. 00X Sport è riconoscibile, oltre che per la nuova verniciatura Rosso Seduzione - una sua esclusiva - per i dettagli grigio titanio (maniglie, inserti sul paraurti anteriore a sua volta di disegno specifico, modanatura frontale, calotte degli specchi retrovisori e la maniglia portellone con logo nel trattamento Myron). Inoltre, l'aggressività è sottolineata da numerosi elementi sportivi di serie, quali le minigonne laterali e gli archi passaruota in tinta carrozzeria, il paraurti posteriore con diffusore, il doppio scarico cromato - disegnato in esclusiva per questo modello - e frontalmente i gruppi ottici Full Led accoppiati a fari fendinebbia Led. A richiesta sono ordinabili gli speciali pneumatici Sport con cerchi in lega da 19 pollici e coprimozzo nero lucido (standard i cerchi specifici da 18). Inoltre, entro fine anno arriveranno dei nuovi cerchi da 19 pollici dal look ancora più sportivo sviluppati da Mopar, e personalizzabili nelle tinte Matte Bronze, Miron, Dark Miron, Copper e Titanium. La stessa impronta sportiva ed elegante degli esterni si ritrova all'interno: tonalità scura per imperiale e montanti anteriori; grafica TFT del quadro strumenti con elementi rossi; pomello cambio in alluminio; volante sportivo in techno-pelle tagliato in basso; plancia in grigio titanio e in tinta Myron e finiture in Rosso Seduzione. A richiesta, poi, è previsto il rivestimento in Alcantara per il volante. Completano l'ambiente i nuovi ed esclusivi sedili in tessuto nero con inserti in vinile e logo grigio '500', la lunetta in vinile nero e le cuciture specifiche in grigio/rosso. Prezzi a partire da parte da 24.500 euro per la versione 1.0 T3, mentre la 500X 1.3 T4 Sport costa 27.000 euro.

Anche per questo modello è attiva la formula finanziaria Zero+Zero: niente anticipo, niente interessi, con rate per la famiglia 500X a partire da 189 euro al mese allungabile fino a 72 mesi.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Assalto all'Area 51,lo scherzo che rischia di diventare vero

Evento nato per gioco su Facebook, attese migliaia di persone

Scienza & Tecnica News
Chiudi Nato come uno scherzo, l'assalto allpArea 51 rischia di diventare un evento (fonte: Max Pixel) (ANSA) Nato come uno scherzo, l'assalto allpArea 51 rischia di diventare un evento (fonte: Max Pixel)

Tutto è cominciato come uno scherzo a giugno, quando uno studente universitario, Matty Roberts, ha creato su Facebook un evento per il 20 settembre: 'Storm Area 51. They can't stop all of us' (Invadere l'Area 51. Non ci possono fermare). Il problema è che poi è stato preso sul serio da oltre tre milioni di persone. E così, nel deserto del Nevada, è atteso l'arrivo di migliaia di persone per tentare l'assalto all'Area 51 e scoprire cosa nasconda sugli extraterrestri. Su Twitter, poi, l'hashtag #Area51storm è entrato nei trend.

Riferendosi al personaggio di un cartone giapponese, Roberts aveva scritto su Facebook : "se corriamo come Naruto, possiamo muoverci più velocemente delle loro pallottole. Vediamo gli alieni". Nei primi tre giorni si erano iscritte solo 40 persone, ma poi la comparsa di diversi meme e post satirici ha fatto diventare virale l'evento, al quale hanno confermato la loro presenza o mostrato interesse 3,5 2 milioni di persone.

La portavoce dell'Aeronautica militare degli Stati Uniti, Laura McAndrews, ha scoraggiato le persone a tentare l'assalto alla base. Già da giorni comunque fervono i preparativi in due sperdute città nella contea di Lincoln nel Nevada, che insieme hanno quasi 200 abitanti, per accogliere la massa di complottisti, ufologi e curiosi pronti ad arrivare per due festival musicali: Alienstock a Rachel, e Storm Area 51 Basecamp a Hiko.

Gli amministratori locali hanno fatto però sapere che l'arrivo di troppe persone potrebbe mettere in difficoltà le due città, visto che ci sono solo 184 stanze d'hotel. Tanto che lo stesso Roberts ha poi cancellato Alienstock, spostandolo a Las Vegas, per il timore di "un possibile disastro umanitario". Per l'occasione sono state anche remixate alcune canzoni da rapper e youtuber e fatti menù a tema nelle tavole calde. L'Area 51 è al centro di molte teorie della cospirazione sugli alieni dal 1950, quando alcune persone dissero di aver visto degli Ufo nella base, quando avevano iniziato a sorvolarla gli arei spia della Cia.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Progetto TartaLife, catture ridotte del 100% con la pesca selettiva

Salvate 1.500 tartarughe, convolti pescatori, ricercatori e turisti

Terra & Gusto Dal Mare
Chiudi
 (ANSA)  (ANSA)  (ANSA)  (ANSA)

ANCONA - Nel Mediterraneo ogni anno 130 mila tartarughe marine vengono catturate accidentalmente durante la pesca, in Italia si stima circa 40 mila e 10 mila muoiono. Una 'strage' contrastata dal progetto TartaLife finanziato dalla Commissione Europea tramite il progetto Life+, per ridurre la mortalità delle Caretta caretta.

In sei anni, con l'uso di attrezzi da pesca selettivi (ami circolari, nasse collassabili, luci Led) e la formazione di oltre 1.500 pescatori, le catture accidentali sono state ridotte in percentuali variabili dal 30% al 100%. Inoltre è stata potenziata la rete dei centri di recupero, arrivati a 18 in tutta Italia, che ha permesso di salvare 1.500 tartarughe.

Intensa anche l'attività di sensibilizzazione con oltre 6.000 eventi che hanno coinvolto un milione di turisti. I dati sono stati resi noti in un incontro a Portonovo di Ancona.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Sanità, dal 2014 continua calo delle strutture di ricovero

Annuario Ssn, -2% quelle pubbliche, -1,7% quelle accreditate

Salute & Benessere Sanità
Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - ROMA, 20 SET - Continua a calare il numero delle strutture di ricovero in Italia. Tra il 2014 e 2017, per effetto degli interventi di razionalizzazione delle reti ospedaliere con riconversioni e accorpamenti, il numero delle strutture pubbliche è sceso del 2,0%, mentre delle private accreditate si è ridotto dell'1,7%. E' uno dei dati che emerge dall'Annuario statistico del Servizio sanitario nazionale (Ssn), pubblicato sul sito del ministero della Salute. Nel Ssn operano 1.000 strutture che danno assistenza ospedaliera, 8.867 assistenza specialistica ambulatoriale, 7.372 assistenza territoriale residenziale, 3.086 assistenza territoriale semiresidenziale, 5.586 l'altra assistenza territoriale e 1.122 assistenza riabilitativa. Tra il 2014 e 2017 c'è stato, per l'assistenza specialistica ambulatoriale, un calo consistente degli ambulatori e laboratori pubblici (1,7%) ed uno più lieve per le strutture private accreditate (0,2%).
    Per l'assistenza territoriale residenziale si è avuto un calo del 3,6% nel pubblico, e un aumento del 2,9% nel privato accreditato. A livello territoriale ogni medico di medicina generale ha un carico potenziale di 1.211 adulti residenti, e di 989 bambini ogni pediatra di base, con un'ampia variabilità territoriale (da 862 bambini per pediatra in Sicilia a 1.236 a Bolzano). Tutte le Regioni hanno comunque carenza di pediatri in convenzione con il Ssn. A domicilio invece è stato assistito otre un milione di pazienti, di cui l'83,7% over 65enni e l'8,8% malati terminali.
    Particolare interesse ha rivestito in questi ultimi anni l'area dell'emergenza: il 55,0% degli ospedali pubblici ha un dipartimento di emergenza e oltre la metà (65,4%) un centro di rianimazione. Il pronto soccorso è presente nel 79,9% degli ospedali e quello pediatrico nel 17,4% degli ospedali. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

De Micheli, norma salva-bebè in auto presto operativa

Atteso Consiglio di Stato questa settimana, poi pubblicazione

Motori Norme e Istituzioni
Chiudi De Micheli, norma salva-bebè in auto presto operativa (ANSA) De Micheli, norma salva-bebè in auto presto operativa

Sulla legge sui dispositivi anti abbandono nelle auto "il Consiglio di Stato si esprimerà questa settimana" e, "immediatamente dopo il parere, il testo verrà pubblicato e quindi sarà operativo. Non ci sono impedimenti in questo momento che ci facciano immaginare che nei prossimi giorni o settimane la norma non sarà operativa": lo ha detto il ministro dei trasporti Paola De Micheli.
 Il ministro ha spiegato che non c'è nessuno stop dall'Ue. "L'Europa ha dato il via libera al decreto attuativo della norma approvata dal Parlamento, quel testo è stato trasmesso dal ministero delle infrastrutture ad inizio agosto al Consiglio di Stato che si esprimerà su quel testo questa settimana", ha detto De Micheli. Ricordando che "c'era stata un discussione, molti mesi fa, su alcune questioni di applicazioni tecniche della norma, ma sono state superate da molti mesi".  

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Ritirati farmaci con ranitidina, per impurità cancerogena

Usata per l'acidità di stomaco. Sostanza prodotta in sito in India

Salute & Benessere Sanità
Chiudi Aifa: ritirati farmaci con ranitidina, impurità cancerogena (ANSA) Aifa: ritirati farmaci con ranitidina, impurità cancerogena

L'Agenzia Italiana del Farmaco ha disposto il ritiro dalle farmacie e dalla catena distributiva di tutti i lotti di farmaci con il principio attivo ranitidina (utilizzato per trattare problemi gastrici come l'acidita') prodotto dall'officina SARACA LABORATORIES LTD in India, a causa della presenza di un'impurità potenzialmente cancerogena. Si tratta dell'impurezza N-nitrosodimetilammina (NDMA) della classe delle nitrosammine, già trovate nel 2018 in alcuni anti-ipertensivi (sartani). L'AIFA sta lavorando con le altre agenzie per valutare il grado di contaminazione. La decisione e' stata presa in base al principio di precauzione, in modo da ridurre al minimo i rischi per il paziente, limitando l'esposizione alla sostanza potenzialmente dannosa.

A scopo precauzionale, l'AIFA ha anche disposto il divieto di utilizzo di tutti i lotti commercializzati in Italia di medicinali contenenti ranitidina prodotta da altre officine farmaceutiche diverse da SARACA LABORATORIES LTD, in attesa che vengano analizzati. Provvedimenti simili sono stati assunti o sono in corso di adozione negli altri Paesi dell'Unione Europea e in diversi paesi extraeuropei. La ranitidina è un inibitore della secrezione acida utilizzato nel trattamento dell'ulcera, del reflusso gastroesofageo, del bruciore di stomaco e di altre condizioni associate a ipersecrezione acida ed e' commercializzata in Italia sia come medicinale da prescrizione medica, sia come medicinale di automedicazione, in compresse, sciroppi o soluzioni iniettabili per uso endovenoso.

La NDMA è classificata come sostanza probabilmente cancerogena per l'uomo dall'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) sulla base di studi condotti su animali. È presente in alcuni alimenti e nelle forniture di acqua, ma non ci si attende che possa causare danni quando ingerita in quantità molto basse. L'Aifa consiglia i cittadini, se in trattamento con un medicinale a base di ranitidina prescritto dal medico, di non sospendere il trattamento, ma di consultare il medico il prima possibile per un trattamento alternativo (un altro medicinale diverso da ranitidina indicato nel trattamento delle condizioni in cui lo stomaco produce quantità eccessiva di acido). 

 

Ritirati 195 lotti farmaci con ranitidina, anche sciroppo

Sono complessivamente 195 i lotti di farmaci contenenti il principio attivo raniditina ritirati dal mercato. In particolare, si tratta di alcuni lotti di questi farmaci:

- RANITIDINA HEX (150 MG E 300 MG)

- RANITIDINA RATIOPHARM (150 MG E 300 MG)

- RANITIDINA MYLAN GENETICS 150 MG E 300 MG)

- RANIDIL SCIROPPO

- ZANTAC COMPRESSE (150 MG E 300 MG)

- ZANTAC FIALE 5 ML

- ZANTAC COMPRESSE EFFERVESCENTI (150 MG)

- RANITIDINA AUROBINDO ITALIA (150 MG E 300 MG)

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Asteroidi, salvare la Terra diventa un gioco da ragazzi

Come manovrare i satelliti, a MeetMeTonight

Scienza & Tecnica News
Chiudi Il visore di realtà virtuale mostra in 3D i detriti spaziali intorno alla Terra (fonte: Politecnico di Milano) (ANSA) Il visore di realtà virtuale mostra in 3D i detriti spaziali intorno alla Terra (fonte: Politecnico di Milano)

Salvare la Terra dalla collisione con gli asteroidi diventa un gioco da ragazzi, grazie a un videogame che permette di calcolare la traiettoria con cui lanciare un satellite per deviare i sassi cosmici più minacciosi usando gli stessi programmi impiegati dalla Nasa e dall'Agenzia spaziale europea (Esa). Per chi volesse provare il brivido, l'appuntamento è per la Notte europea dei ricercatori targata MeetMeTonight, che torna il 27 e il 28 settembre tra Milano, Napoli e altre città lombarde e campane.

Promotori dell'iniziativa sono Università di Milano-Bicocca, Politecnico di Milano, Statale di Milano, Federico II di Napoli e Comune di Milano, che organizzeranno conferenze, proiezioni di film, concerti, spettacoli teatrali e stand di divulgazione aperti a tutti. Quello dedicato allo spazio sostenibile, promosso dal Politecnico nell'ambito del progetto Compass finanziato dal Consiglio delle ricerche europeo, sarà a Milano nei Giardini Indro Montanelli. "Simuleremo una vera stazione di controllo come quelle di Nasa ed Esa, con dieci postazioni da cui comandare i satelliti", spiega Camilla Colombo, professore associato di meccanica orbitale del Politecnico.

I visitatori potranno provare a deflettere un asteroide, proprio come nella missione Dart prevista per il 2021, ma potranno anche creare la propria costellazione di satelliti e cimentarsi nella loro gestione per evitare collisioni nello spazio. "E' un compito difficile – sottolinea Colombo - perché c'è un elevato grado di incertezza nelle informazioni relative all'orbita dei corpi e alle manovre, per cui bisogna saper aspettare quel tanto che basta per avere un maggiore grado di certezza, senza però aspettare troppo rischiando di non poter più evitare la collisione".

 

 

 

 

 

 

 

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Mazda RX-9, un brevetto in Giappone svela esistenza progetto

Dovrebbe utilizzare una nuova generazione del motore rotativo

Motori Prove e Novità
Chiudi  (ANSA)

Mazda sta preparando il suo ritorno nel settore delle coupé sportive, dopo esserne uscita nel 2011 con la RX-8 che nelle intenzioni del costruttore giapponese avrebbe dovuto raccogliere l'eredità della iconica RX-7 (1978 - 2002) ma che non raggiunse nemmeno il 40% della produzione complessiva della generazione che l'aveva preceduta, arrivata a oltre 800mila unità. Il nuovo modello, che salvo ripensamenti dovrebbe chiamarsi RX-9, sarà ispirato alla concept RX-Vision del 2015 e - come riporta il magazine britannico Autocar - utilizzerà che le progenitrici un propulsore rotativo, completamente riprogettato non solo per offrire adeguati livelli prestazionali ma per essere omologato secondo le norme Euro 6 (la RX-8 era uscita di scena per l'impossibilità di soddisfare l'Euro 5). Autocar, che ha anche ricostruito il possibile aspetto della RX-9, ha trovato conferma alle voci su questo progetto attraverso l'ufficio brevetti giapponese, dove è stata registrato da Mazda un progetto denominato 'Vehicle Shock Absorption Structure' basato sul concetto spaceframe differente di quella presente nell'attuale gamma di berline e suv. Il disegno evidenzia anche una configurazione della sospensione anteriore a doppio braccio oscillante, uno schema utilizzato principalmente dalle auto sportive, con una traversa che suggerisce una disposizione del motore anteriore-centrale.

Il vano motore è però relativamente piccolo, e questo confermebbe la predisposizione per un nuovo motore rotativo compatto - una tradizione iniziata con RX-7 e poi trasferita a RX-8 - a cui Mazda sta lavorando da tempo. All'inizio di quest'anno, sempre attraverso la registrazione all'ufficio brevetti, era stato scoperto che Mazda aveva acquisito i diritti per un nuovo tipo di turbocompressore progettato tenendo conto delle caratteristiche del motore rotativo, e quindi capace di migliorare l'efficienza di aspirazione e le prestazioni mantenendo sotto ai livelli di legge il particolato, gli NOx e la CO2. La futura RX-9, afferma il magazine britannico, utilizzerà una piattaforma 'su misura' che non verrà estesa ad altre gamme di prodotto, e che sarà vestita da una carrozzeria molto leggera, in quanto realizzata in plastica rinforzata con carbonio.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo