Sri Lanka: un anno fa attentati Pasqua

Furono almeno 270 le vittime nelle chiese attaccate

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 21 APR - Il 21 aprile 2019 nove kamikaze si fecero esplodere in tre chiese dello Sri Lanka mentre si celebrava la Pasqua, entrando in azione anche in diversi alberghi. Almeno 270 i morti. Ad un anno di distanza e nel rispetto delle misure d'emergenza per il Coronavirus, il Paese si ferma per due minuti di silenzio, seguiti dal suono delle campane di tutti i luoghi di culto. Tutti gli altri eventi previsti non si tengono, per evitare la diffusione del Covid-19.
    Ad un anno di distanza ancora nulla si sa degli autori di quegli attacchi sanguinosi. Per il cardinale arcivescovo di Colombo, Albert Malcolm Ranjith, "si deve puntare a sapere la verità, scoprendo chi ha ideato gli attentati e chi ha dato i fondi necessari".
    Un pensiero anche alle vittime di questi giorni: "Anche il Coronavirus - ha detto il cardinale a Vatican News - è una tragedia per la morte di tante persone, come in Italia, dove si sono perse così tante vite. È una tragedia internazionale. Per questo, nella giornata di commemorazione delle vittime degli attentati di un anno fa, preghiamo perché il Signore ci aiuti a superare questo momento oscuro della storia umana".(ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA




Modifica consenso Cookie