• Coronavirus, in Europa oltre 20.000 morti. Paura in Usa, muore un bimbo

Coronavirus, in Europa oltre 20.000 morti. Paura in Usa, muore un bimbo

Sono più di 30mila le vittime nel mondo e 600mila i casi globali. Parigi: 'Il peggio deve arrivare. La Spagna chiude: 'Oltre 5mila vittime'. Londra: 'Bene se resteremo sotto 20.000 morti'. Tornano i treni a Wuhan

Il coronavirus continua ad assediare l'Europa. Se con oltre 100.000 casi gli Stati Uniti hanno superato l'Italia e la Cina per numero di contagi da Covid-19, al Vecchio Continente resta il triste primato delle vittime - 21.334 dei 30.003 totali secondo l'ultimo aggiornamento dei dati elaborato dalla France Presse - e la paura che in alcuni Paesi il peggio debba ancora arrivare. 

Sono 453 i morti di coronavirus negli Stati Uniti nelle ultime 24 ore, un record per il paese. In totale sono oltre 2.000 le vittime. Secondo i dati della Johns Hopkins University sono 2.010. I casi accertati sono 121.117.

Un bimbo di meno di un anno è morto in Illinois. Lo riferisce il governatore dell'Illinois, J. B. Pritzker. "Non si è mai registrata una morte di un bimbo per il virus. E un'indagine è stata avviata sul caso" mette in evidenza il responsabile della sanità dell'Illinois, Ngozi Ezike. 
New York rischia di diventare il peggior focolaio di coronavirus al mondo: "peggio di Wuhan e della Lombardia", secondo il New York Times. I casi nello stato sono più di 52.000, la metà degli oltre 100.000 negli Stati Uniti. In media nella sola città di New York muore una persona ogni 9,5 minuti per coronavirus e il numero di contagiati è in forte aumento: solo fra gli agenti di polizia ci sono 500 casi. E la realtà peggiora di giorno in giorno, tanto che Donald Trump sta pensando i mettere in "quarantena" lo stato insieme ai vicini New Jersey e Connecticut. Dura la reazione del governatore dello stato di New York, Andrew Cuomo: se fosse imposta una quarantena sarebbe "caos": sarebbe da parte del governo "una dichiarazione di guerra agli stati, una dichiarazione di guerre federale".

Nel mondo sono oltre 600mila i contagi. In Europa oltre all'Italia,la situazione più grave rimane quella della Spagna dove è stato registrato il drammatico record di 832 vittime in 24 ore. Il totale dei morti di coronavirus sale così a 5.690, mentre i contagiati sono 72.248. Il premier Pedro Sanchez ha deciso di chiudere tutte le attività non essenziali per le prossime due settimane. Mentre le autorità sanitarie assicurano che la Spagna è vicina al picco della curva. "Non si sa ancora esattamente quando ma lo stiamo raggiungendo", ha sottolineato in conferenza stampa il direttore del Centro per le Emergenze Sanitarie, Fernando Simon, avanzando l'ipotesi che il fatidico traguardo possa essere raggiunto la prossima settimana.

Ma sono i Paesi 'rimasti indietro' sull'andamento della pandemia che adesso tremano. In Francia il premier Eduard Philippe ha avvertito che "la battaglia è appena cominciata" e i primi 15 giorni di aprile saranno più difficili di quelli passati. Il numero delle vittime è salito a 2.314 e quello dei casi positivi a oltre 30.000. Il premier francese ha dovuto difendere l'azione del suo governo dalle accuse di aver risposto in modo tardivo. "Abbiamo deciso l'isolamento quando è diventato necessario", si è giustificato. E il ministro della Salute ha annunciato l'avvio di un programma serrato di test: 50.000 al giorno da qui fino alla fine d'aprile. La tensione sale anche nel Regno Unito, dove i morti per il Covid-19 hanno superato ormai la soglia dei 1.000 e i contagi quella dei 17.000. La prestigiosa rivista scientifica The Lancet ha attaccato duramente Downing Street per aver adottato una strategia iniziale "fallimentare" che non ha minimamente tenuto in considerazione le raccomandazioni dell'Oms. E un piano attuale che rende impossibile al Nhs fronteggiare l'emergenza. Nell'editoriale, firmato dal direttore Richard Horton, sono riportate alcune testimonianze degli operatori sanitari che definiscono la gestione della crisi da parte dell'esecutivo britannico "uno scandalo" ed "un crimine". Con il premier Boris Johnson in isolamento, il punto sul coronavirus lo ha fatto il direttore medico del Nhs Stephen Powis. "Potremo considerare di aver fatto bene se riusciremo a rimanere sotto i 20mila morti" nel Regno Unito, ha dichiarato chiedendo al popolo britannico di "restare in isolamento a casa per salvare delle vite". 

In Cina i primi treni ad alta velocità carichi di passeggeri sono ritornati a Wuhan rompendo il totale isolamento di oltre due mesi. Più di 12.000 persone sono state accolte nella stazione principale della città focolaio del Covid-19 da applausi e fiori, ultimo segnale della voglia di tornare alla normalità dopo le drammatiche cronache di gennaio. Per ora, i flussi sono soltanto in arrivo e hanno lo scopo di favorire la riunificazione delle famiglie rimaste separate dopo la quarantena della città (e dell'Hubei, la provincia di cui è capoluogo) decisa il 23 gennaio per limitare il contagio.

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Video ANSA




    Modifica consenso Cookie