ANSAcom

Medicina: Tronchetti, lavorare insieme per sfide del futuro

Con nuove tecnologie e connessioni si può avere sviluppo rapido

MILANO ANSAcom

La principale sfida offerta dalla medicina personalizzata e di precisione oggi è quella "di lavorare insieme. Le nuove tecnologie permettono infatti uno sviluppo molto rapido se i diversi centri di ricerca uniscono le informazioni e se il mondo si connette meglio". A dirlo Marco Tronchetti Provera, presidente della Fondazione Silvio Tronchetti Provera, all'apertura del convegno 'The Healthcare to come' all'università Statale di Milano.
"Con maggiori connessioni potremo avere un'accelerazione enorme, da cui potranno trarne beneficio tutti - continua - I sistemi sanitari possono essere sconvolti da tutto questo in modo positivo, ma la cosa fondamentale è lavorare insieme. Nessuno da solo può fare molto". Le nuove tecnologie possono essere, secondo l'imprenditore, un incubo o un'opportunità a seconda di come le si gestisce: "L'ostacolo siamo noi, la nostra capacità di lavorare insieme nell'interesse di tutti".
Secondo Tronchetti Provera, i privati come le fondazioni possono "supportare, come facciamo noi, attraverso sovvenzioni ai giovani, ma soprattutto a focalizzare l'attenzione su questo tema. Quello che facciamo, unendo persone di grande qualità, professori di tutto il mondo, è porre attenzione sulla grande importanza di mettere insieme le forze per la ricerca scientifica. E l'Italia ha dei talenti straordinari. Anche politica e sanità devono fare lo stesso".

In collaborazione con:
Pirelli – Fondazione Silvio Tronchetti Provera

Archiviato in