Ungheria ferma sogno oro del Setterosa

Italia parte forte ma cede nel finale in una Scandone strapiena

(ANSA) - NAPOLI,13 LUG - Finisce con l'argento l'avventura delle azzurre della pallanuoto che si arrendono in finale alla fortissima Ungheria per 8-7 (3-3, 2-1, 2-1, 2-1) al termine di una gara combattuta, a tratti dura, in cui l'Italia parte forte ma cede nella parte centrale. Le azzurre vanno avanti 2-0 con i gol di Cocchiere e Storai nei primi tre minuti di gioco ed esaltano una Scandone strapiena di pubblico e di entusiasmo.
    L'Ungheria però reagisce e recupera con i gol di Hertzka e Garda. A quel punto si gioca sul filo dell'equilibrio rotto alla fine del terzo parziale dal break ungherese: Gemes segna il 6-5 per le ungheresi, l'Italia guadagna un rigore che però Ranalli si fa parare dal portiere ungherese Kiss e Gemes segna ancora, chiudendo il parziale sul 7-5. L'ultimo quarto è una bolgia con una botta al naso per la Garda, le proteste dell'allenatore ungherese Attila Mihok che viene allontanato. L'Ungheria ne ha di più, però, e porta il vantaggio a +3 con il gol di Hertzka che in pratica chiude il match nonostante il tentativo di rimonta azzurro nel finale. "Le ragazze hanno dato tutto - spiega a fine gara Martina Miceli, oro ai Giochi di Atene con il Setterosa e oggi tecnico azzurro - ma l'Ungheria era fortissima. Dovevamo fare la partita perfetta e non ci siamo riuscite ma per tutta la squadra questa era la prima grande finale internazionale e sono state molto brave, hanno fatto una grande esperienza. Il torneo è stato bellissimo come l'organizzazione". (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie