Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

'Resistenza casearia' premia ucraine che hanno 'vinto' la guerra

'Resistenza casearia' premia ucraine che hanno 'vinto' la guerra

Consegnati i riconoscimenti nella prima giornata di Cheese

TORINO, 15 settembre 2023, 20:10

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

C'è anche un'allevatrice ucraina, Tetyana Stramnova, tra i premiati per la 'Resistenza casearia' nella prima giornata di Cheese, la rassegna internazionale organizzata da Slow Food a Bra (Cuneo). "Perché nonostante la guerra, la paura, il pericolo che incombe ogni giorno sulla sua terra, - è la motivazione - Tetyana ha trovato il coraggio di ricominciare, partendo da un piccolo allevamento di capre". Ed è inoltre impegnata, "grazie" all'energia che le trasmettono i suoi figli" nell'attività educazione e in programmi per i bambini affetti da autismo.
    Tetyana Stramnova ha iniziato come designer di interni a Donetsk e ha avviato la sua fattoria quando ha avuto il primo figlio, iniziando ad allevare quaglie. Quando i russi sono arrivati nella regione, lei e la sua famiglia se ne sono dovuti andare e si sono spostati a Muzikyvka, nella regione di Kherson.
    Lì hanno cercato di ripristinare l'allevamento di pollame, ma l'attività è fallita. "In realtà sono i miei figli che hanno scelto Muzikyvka come luogo in cui rimanere, perché l'hanno percepita come una casa a prima vista", ha spiegato. E a Muzikyvka ha iniziato ad allevare capre di una razza locale da salvare. Così è nato l'allevamento Amalthea, dal nome della sua prima capra. Accanto alla produzione, ha iniziato a organizzare escursioni per i bambini con disabilità.
    Premiati a Cheese anche Marcello Villa, un anziano casaro/pastore/allevatore ligure, nella Val d'Aveto, il giovane macedone David Nedelkovski; Ekateryna Prichodko, migrante dalla Ucraina ed Eros Scarafoni, che l'ha ospitata con la sua famiglia nel sud delle Marche; Giampaolo Gaiarin (Trentino Alto Adige), che si occupa dei Presìdi Slow Food dei formaggi trentini dai primi anni di avvio del progetto; i piemontesi Filiberto e Leonardo Vaira, Daniela Miglio, per l'impegno nel preservare i prati stabili in Valle Vogna, una valle laterale della Valsesia alle pendici del Monte Rosa: Michele Totaro dalla Puglia e Vito Canio Abbate dalla Basilicata per il loro impegno nella salvaguardia di una razza autoctona a rischio di estinzione
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza