Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Via nome 'Prosecco' da caramelle gommose, sentenza a Venezia

Via nome 'Prosecco' da caramelle gommose, sentenza a Venezia

Consorzio Doc nel 2023 ha avanzato 200 diffide su vari prodotti

VENEZIA, 24 novembre 2023, 11:34

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Il Tribunale di Venezia ha accolto l'istanza avanzata dal Consorzio Prosecco Doc per fare cessare la produzione e distribuzione di caramelle gommose che riportavano la denominazione "Prosecco" nell'etichetta.
    Le caramelle erano a forma fallica. "Questo caso emblematico dal sapore boccaccesco - commenta il presidente del Consorzio, Stefano Zanette - indica il grado di notorietà delle bollicine veneto-friulane, un cui risvolto problematico è lo sfruttamento sempre più ampio della denominazione in contesti inimmaginabili, sia in Italia sia all'estero".
    Le caramelle erano commercializzate da una società inglese in vari Paesi, tra cui l'Italia. Il Consorzio estende le proprie attività di controllo non solo ai vini ma anche a beni di altra natura come cosmetici, candele, profumi. Nel corso del 2023 questo impegno ha condotto a quasi 200 diffide e a oltre 50.000 inserzioni di vendita verificate dal Consorzio su marketplace ed e-commerce a livello internazionale.
    "Sono molto lieto della decisione del Tribunale di Venezia - prosegue Zanette - che avvalora il nostro impegno costante di tutela della denominazione Prosecco Doc. Se da un lato questi episodi dimostrano la notorietà raggiunta dal nostro marchio, dall'altro rischiano di compromettere il suo valore e il lavoro di tutti coloro che partecipano con passione alla sua filiera".
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza