Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Trenino Cogne-Pila, "ancora da recuperare 5,4 milioni"

Trenino Cogne-Pila, "ancora da recuperare 5,4 milioni"

Corte dei conti, dalla sentenza del 2016 ottenuti 600 mila euro

AOSTA, 05 marzo 2024, 15:08

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA

Dei quasi 7 milioni di euro che gli enti danneggiati devono ancora recuperare in Valle d'Aosta a seguito di sentenze della Corte dei conti passate in giudicato, 5,4 milioni derivano da quella per il trenino Cogne-Pila. Il dato emerge dalla relazione del procuratore regionale, Giuseppe De Rosa, in occasione dell'inaugurazione dell'anno giudiziario 2024. Sulla materia del "recupero" la procura contabile esercita una funzione di vigilanza.
    Per realizzare il collegamento, mai entrato in funzione, furono spesi 29 milioni di euro. Nel 2016, la terza sezione giurisdizionale centrale d'appello ha ridotto da 13 a 6 milioni di euro la condanna al progettista della tramvia, l'ingegner Alberto Devoti, considerando che anche "Regione, Ministero delle infrastrutture, ditte private" avevano "concorso causalmente" alla "produzione" del danno erariale. Di quella cifra, a oggi sono stati ottenuti meno di 600 mila euro, dato che restano da recuperare 5 milioni 413 mila 974 euro. Alla base della sentenza, secondo i magistrati contabili, "errori" e "carenze di progettazione ed esecuzione dei lavori".
    I lavori per unire le due località turistiche erano stati avviati nel 1985 e il progetto 'congelato' nel 2008 dalla giunta regionale valdostana, sino alla dismissione decisa nel 2012. Nel marzo del 2022 un'azienda con sede a Milano, la Valente spa, si era aggiudicata all'asta per 31.500 euro il materiale rotabile dell'ex tramvia.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza