Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

'Ti faccio fare la fine di Giulia', l'arrestato nega le accuse

'Ti faccio fare la fine di Giulia', l'arrestato nega le accuse

Per oltre un'ora davanti al gip, difensore chiede scarcerazione

AOSTA, 28 novembre 2023, 15:38

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Ha risposto alle domande del gip e negato ogni addebito il diciottenne valdostano arrestato venerdì 24 novembre con l'accusa di stalking nei confronti della ex fidanzata sedicenne, a cui avrebbe rivolto anche la minaccia: "Ti faccio fare la fine di quella là". Un evidente riferimento all'omicidio di Giulia Cecchettin. L'interrogatorio di garanzia nel carcere di Brissogne è durato oltre un'ora e si è svolto alla presenza del gip di Aosta e dell'avvocato del giovane. Il difensore ha chiesto al giudice la sostituzione della custodia cautelare in carcere con gli arresti domiciliari - istanza rispetto alla quale il pm Manlio D'Ambrosi ha dato parere negativo - e la decisione del giudice è attesa entro 48 ore.
    Il 22 novembre i genitori della giovane studentessa valdostana erano andati in caserma per denunciare una situazione "divenuta insostenibile". Gli inquirenti hanno ricostruito che la relazione tra i due - che abitano a qualche decina di chilometri di distanza - era cominciata l'estate del 2022, quando entrambi erano ancora minorenni. Un rapporto diventato presto un incubo per via del crescente desiderio di controllo da parte del ragazzo e di quelle che poi sono diventate vessazioni psicologiche, minacce e violenze. Pochi mesi dopo, a dicembre, i genitori avevano scoperto uno dei tanti messaggi di insulti ricevuti dalla figlia. Di qui la decisione della giovane di interrompere ogni tipo di rapporto con il ragazzo.
    Una scelta che il diciottenne non ha voluto accettare, cominciando a inviarle messaggi minatori, per poi passare a pedinarla fin davanti a scuola, con appostamenti anche alla fermata dell'autobus. Quindi, la settimana scorsa, la frase considerata una minaccia di morte e la denuncia dei familiari ai carabinieri. 
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza