Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Violenza di genere, docenti ed esperti a confronto a Perugia

Violenza di genere, docenti ed esperti a confronto a Perugia

Incontro al Cavour-Marconi-Pascal dedicato a Giulia Cecchettin

PERUGIA, 28 novembre 2023, 12:27

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Violenza di genere: metodi e strategie di contrasto di un fenomeno in costante crescita": questo il titolo di un incontro che si è svolto nella sede di Madonna Alta dell'Istituto d'istruzione superiore Cavour-Marconi-Pascal di Perugia. L'evento, a cui hanno preso parte, oltre che dirigente scolastico, docenti e studenti, anche esperti e esponenti delle istituzioni, è stato dedicato a Giulia Cecchettin alla cui memoria è stato rivolto un minuto di silenzio.
    Ad aprire gli interventi è stato il dirigente scolastico, Andrea Agostini, il quale ha ricordato il ruolo fondamentale della scuola intesa come comunità per contrastare la violenza di genere. "Dobbiamo imparare qui - ha detto Agostini - che siamo tutti uguali, che c'è un unico genere umano e dobbiamo impegnarci affinchè la comunità in cui viviamo sia migliore. La conoscenza e lo studio hanno un ruolo fondamentale in questo percorso".
    Caterina Grechi, presidente del Centro pari opportunità della Regione Umbria, ha ricordato il ruolo delle istituzioni nel contrasto e nella prevenzione della violenza sulle donne. "Come Centro pari opportunità - ha detto - ci stiamo occupando anche dei cambiamenti culturali che devono portare a rimettere al centro di tutto la persona e il rispetto reciproco, senza il quale non si può costruire nessuna relazione". "In Umbria - ha aggiunto - sono presenti 11 centri antiviolenza, dove opera personale opportunamente formato, sono stati fatti inoltre protocolli con prefetti e Anci per creare una rete".
    Presente all'incontro, fra gli altri, anche Michele Toniaccini, sindaco di Deruta e presidente dell'Anci Umbria, il quale ha ricordato il ruolo delle istituzioni nel contrastare la violenza di genere, Durante l'evento è intervenuta anche la professoressa Monia Dottorini, esperta in socio-antropologia che ha trattato il tema "Profili sociologici e giuridici della violenza di genere" facendo un excursus sul sistema giuridico italiano e sulle principali leggi in materia. Ha ricordato che spesso le donne hanno paura di denunciare, ma che esistono centri antiviolenza con staff multidisciplinari ed esperti preparati ad accogliere e ad aiutare le vittime.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza