Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

'Ndrangheta in Trentino, Corte d'appello conferma due condanne

'Ndrangheta in Trentino, Corte d'appello conferma due condanne

Infiltrazione nel settore del porfido

TRENTO, 06 dicembre 2023, 12:10

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

La Corte d'appello di Trento, presieduta dalla giudice Anna Maria Creazzo, ha confermato la condanna di Pietro Denise, 51 anni, di Cardeto, e per Domenico Morello, 52 anni, per associazione mafiosa. A Denise sono state riconosciute le attenuanti generiche equivalenti all'aggravante legata alla disponibilità di armi, con una riformulazione della pena in sei anni e otto mesi (in primo grado era stato condannato a otto anni), mentre per Morello i giudici hanno confermato la condanna a dieci anni. Lo riporta il Corriere del Trentino.
    La procuratrice generale Maria Teresa Rubini aveva chiesto per Denise e Morello la conferma della condanna di primo grado.
    Morello è ritenuto dalla Procura una delle figure di spicco della cosca locale attiva nel settore del porfido, in contatto con esponenti a Cardeto. Denise è invece ritenuto una figura meno apicale, ma comunque un componente attivo della 'ndrina trentina.
    Per quanto riguarda i risarcimenti, invece, non ci sono cambiamenti: i giudici hanno confermato il versamento in solido di 300.000 euro a favore della Provincia di Trento, 150.000 euro per il Comune di Lona Lases e 50.000 euro a ciascuno per l'associazione Libera, Filca-Cisl e Fillea Cgil.
    La sentenza segue di pochi mesi la conferma della condanna di Saverio Arfuso, considerato una delle figure apicali della cosca locale svelata dall'inchiesta "Perfido", che nel 2020 ha portato all'arresto di 19 persone.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza