Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

20enne denunciato per un violento pestaggio a Bressanone

20enne denunciato per un violento pestaggio a Bressanone

La vittima un romeno completamente ubriaco

BOLZANO, 06 dicembre 2023, 11:21

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

E' stato raggiunto da un'ordinanza di misura cautelare coercitiva il presunto responsabile di un violento pestaggio avvenuto nel piazzale della Stazione Ferroviaria di Bressanone poche settimane fa.
    Il provvedimento è scaturito dalle indagini effettuate dai carabinieri di Bressanone che, partite immediatamente dopo l'intervento, hanno consentito di ricostruire la dinamica del fatto ed individuarne il presunto autore in un ventenne, il quale, la sera dello scorso 20 ottobre, avrebbe aggredito in modo violento un quarantacinquenne romeno che, completamente ubriaco, aveva assunto comportamenti molesti nei confronti del gruppetto di ragazzi dei quali il giovane faceva parte.
    L'indagato, residente ad Aquino (FR), subito dopo l'evento ha lasciato Bressanone, dove si trovava per motivi di lavoro, per fare rientro nella sua città. Tuttavia, grazie all'ottima collaborazione con i carabinieri del luogo di residenza, i militari sono riusciti a notificare ugualmente all'interessato il provvedimento.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza