/ricerca/ansait/search.shtml?tag=
Mostra meno

Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Nelle scuole di Trento un progetto contro il bullismo

Nelle scuole di Trento un progetto contro il bullismo

Il 30% ha assistito ad episodi, il 12% ha subito prepotenze

TRENTO, 05 giugno 2023, 12:28

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Trento è la prima città d'Italia dove tutti gli Istituti comprensivi hanno ottenuto la certificazione per la prevenzione e il contrasto al bullismo, dopo un percorso durato l'intero anno scolastico. A Trento il 52% dei ragazzi indica di non aver mai subito, fatto o visto gesti di bullismo a scuola. Il 30% di aver solo assistito, il 12% di aver subito prepotenze e il 2% di averle compiute. Emerge da un'indagine svolta nei mesi di dicembre 2022 e gennaio 2023 su 2.809 studenti delle scuole secondarie di primo grado e in alcuni casi anche delle classi quarta e quinta delle primarie di otto istituti di Trento. Altri 2.377 questionari sono stati compilati da adulti, di cui 1.657 da genitori e 720 da personale scolastico. L'indagine fa parte di un percorso di prevenzione e contrasto al bullismo, realizzato grazie al sostegno di Etika, l'offerta luce e gas della Cooperazione Trentina con Dolomiti Energia, e il cofinanziamento della Provincia e dei singoli Istituti.
    Dalle risposte - sottolinea una nota - è emersa la consapevolezza che il bullismo si vince solo denunciando e parlando con un adulto: il 56% sceglierebbe un genitore, il 48% un insegnante. Oltre la metà degli studenti pensa sia necessario parlare in classe, il 10% sceglie di essere amico della vittima e il 36% di fare qualcosa in più, come difenderla. Solo il 3% crede non si possa fare nulla. Contro i bulli i ragazzi chiedono punizioni (26%), sospensioni (7%), richiamare/fermare/denunciare (6%), espulsione/bocciatura (5%). Solo il 12% ritiene che i bulli vadano aiutati. Risultato opposto emerge dai questionari di genitori e insegnanti, che riconoscono nei bulli una fragilità da accompagnare verso un percorso di recupero e consapevolezza. Inoltre le esperienze di bullismo rilevate dal personale scolastico sono circa il doppio di quelle percepite dai genitori. Infine: l'83% dei ragazzi dice di stare bene o abbastanza bene in classe; il 13% risponde "né bene né male" e il 3% (cioè 36 persone) dice invece di stare male, con distribuzione uniforme nei vari istituti. Il 4% degli studenti pensa che a scuola non ci sia alcun bel momento: neanche la ricreazione, il tragitto o il tempo libero, che invece sono i preferiti dagli altri.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza