Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Uccise moglie e suocera, condannato all'ergastolo

Uccise moglie e suocera, condannato all'ergastolo

La soddisfazione per la sentenza del figlio 17enne che era in casa con la sorellina quando avvenne il duplice femminicidio

AREZZO, 02 dicembre 2023, 21:39

Redazione ANSA

ANSACheck

Manifestazione a Torino contro la violenza sulle donne - RIPRODUZIONE RISERVATA

Manifestazione a Torino contro la violenza sulle donne - RIPRODUZIONE RISERVATA
Manifestazione a Torino contro la violenza sulle donne - RIPRODUZIONE RISERVATA

La corte d'assise di Arezzo ha condannato all'ergastolo Jawad Hicham, 38 anni, marocchino, accusato di aver ucciso a coltellate la compagna Sara Ruschi, 35 anni e la suocera Brunetta Ridolfi, 76, nella notte tra il 12 e il 13 aprile scorsi ad Arezzo. Il duplice delitto avvenne nell'appartamento di via San Lorentino dove la coppia viveva con i due figli di 16 e 2 anni. Il pm Marco Dioni aveva chiesto stamani per l'uomo l'ergastolo.

Secondo quanto emerso la furia omicida dell'uomo scoppiò dopo una serie di messaggi scambiati per telefono con la moglie, che occupava un'altra stanza della casa, e degenerati in offese. Una ventina le coltellate inferte alla donna, tre quelle alla madre di Sara Bruschi che viveva con loro e sarebbe intervenuta a difesa della figlia. In casa c'erano anche i due figli della coppia. Jawad Hicham uscì poi dall'abitazione e, raggiunta una cabina telefonica, chiamò la polizia. Sempre in base a quanto emerso Sara Bruschi un mese prima di morire aveva fatto uscire di casa il 38enne per poi riprenderlo circa una decina di giorni prima del duplice delitto. La difesa dell'uomo aveva chiesto che il 38enne fosse sottoposto a perizia psichiatrica, istanza però rigettata dalla corte d'assise. Nell'arringa finale l'avvocato ha chiesto che non fosse riconosciuta l'aggravante del legame parentale e la possibilità di accedere al rito abbreviato.

"Pensavo che avrebbero dato una pena più bassa, di pochi anni, ma finalmente quello che avevamo sperato per diversi mesi hanno finalmente fatto". Così il figlio 17enne di Jawad Hicham - il 38enne condannato oggi all'ergastolo dalla corte d'assise di Arezzo per l'omicidio della madre del ragazzo e della suocera -, rispondendo ai giornalisti che gli chiedevano perchè avesse parlato di "sollievo" dopo la sentenza. Il ragazzo era in casa con la sorellina di due anni quando avvenne il duplice femminicidio. Il ragazzo ha seguito le varie udienze del processo: oggi era in aula alla lettura della sentenza con il nonno e gli zii materni.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza