Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Udinese: Cioffi, inammissibile sbandamento dopo l'1-0

Udinese: Cioffi, inammissibile sbandamento dopo l'1-0

Siamo stati 'pollacchiotti' perché volevamo pareggiare subito

MILANO, 09 dicembre 2023, 23:27

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Mi dispiace si sia sbloccato il risultato su un episodio che non commento e non discuto. La cosa che per me è inammissibile sono i sei minuti di sbandamento totale dopo il primo gol. Siamo stati un po' 'pollacchiotti' perché volevamo pareggiarla subito". Lo ha detto il tecnico dell'Udinese Gabriele Cioffi, intervistato da Sky Sport dopo il ko contro l'Inter.
    "Ho chiesto una cosa contro natura ai miei giocatori, cioè di aspettare l'Inter bassa. Rifarei la stessa scelta, perché erano più i vantaggi che gli svantaggi. L'Inter ti sfonda, ha qualità di palleggio e sono rodati da anni - ha aggiunto -. Noi dovevamo stare lì a soffrire in attesa di un paio di ripartenze che potevano essere pericolose come è successo con Pereyra, questa era la nostra partita. Non è una mancanza di coraggio, è un coraggio espresso in maniera diversa. Chiudiamo pagina e ripartiamo più convinti di prima", ha concluso.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza