Israele: Sarah Netanyahu, 'maltrattata' nelle manifestazioni

Moglie premier, slogan proteste come una 'violenza sessuale'

(ANSAmed) - TEL AVIV, 12 AGO - Sarah, moglie del premier Benyamin Netanyahu, ha denunciato di essersi sentita come se avesse sperimentato una "violenza sessuale" a causa degli slogan ritmati durante le manifestazioni svoltesi in queste settimane contro il marito. In una rara intervista televisiva a Canale 12, Sarah Netanyahu ha sostenuto di "essere una donna maltrattata come i figli" in riferimento alle manifestazioni in cui sono state chieste le dimissioni del premier in quanto incriminato di corruzione, frode e abuso di potere. Per questo - hanno ricordato i media - ha presentato una denuncia alla polizia per presunte molestie sessuali dai manifestanti citando slogan ad esplicito contenuto sessuale e simboli innalzati nelle proteste di fronte la residenza ufficiale del premier a Gerusalemme, così come minacce nei suoi confronti. "Sicuramente - ha detto secondo i media - ho provato violenza sessuale" sottolineando "la terribile marcia dei palloni (sagomati come organi sessuali, ndr) e i post per lo stupro che usano esplicito e volgare linguaggio". (ANSAmed) (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie