Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

>>>ANSA/Novità su pensioni non convince medici,resta lo sciopero

>>>ANSA/Novità su pensioni non convince medici,resta lo sciopero

Costerà 9 miliardi. Opposizioni all'attacco. Pd, così è Quota 46

ROMA, 08 dicembre 2023, 20:42

Redazione ANSA

ANSACheck

(di Michela Suglia) Si infrange sul muro del "non è abbastanza" la reazione di medici e infermieri alla soluzione trovata dal governo alle loro pensioni, con l'emendamento alla manovra presentato in notturna al Senato. L'escamotage, che riduce il taglio degli assegni e penalizza chi lascia il lavoro in anticipo, non convince. "E' solo una prima risposta", la liquida la Federazione nazionale degli Ordini dei medici chiedendo che si apra un confronto tra il ministro della Salute e i sindacati. Soprattutto non va giù l'idea di allungare a 70 anni l'età per restare in servizio. "Siamo sconcertati su questo", ammette il sindacato degli infermieri Nursing Up. E insieme ai dottori confermano lo sciopero del 18 dicembre e ne minacciano altri a gennaio.
    Non rinunciano alla battaglia nemmeno le opposizioni: dal Pd a Italia viva, la richiesta unanime è di ritirare la proposta. E il capogruppo Dem, Francesco Boccia argomenta così: "Salvini voleva Quota 41 ma qui siamo oltre le quote, da Quota 46 e oltre. In ogni caso va ben oltre i limiti della legge Fornero".
    Resta caldo, insomma, il fronte della legge di bilancio che procede a ritmo lento al Senato. Al pacchetto dei tre emendamenti depositati giovedì sera se ne dovrebbe aggiungere un quarto. Riguarda gli investimenti e il presidente della commissione Bilancio, Nicola Calandrini, confida che arriverà lunedì. Di conseguenza slitta in avanti il termine per presentare sub-emendamenti (fissato al 12 dicembre alle 10). In ogni caso prima del 13 dicembre la commissione non comincerà a votare gli emendamenti, cercando di rispettare il traguardo del 18 dicembre per l'avvio dell'esame a Palazzo Madama. Ma a questo punto si fa più concreto il rischio che l'ok finale alla finanziaria (dopo il passaggio a Montecitorio) si incunei tra Natale e la fine dell'anno.
    Al di là dei tempi, si guarda al contenuto sul tavolo. Con l'emendamento sulle pensioni il governo prova a correggere il contestatissimo articolo 33 della manovra e a salvare il più possibile le indennità di medici, enti locali, maestri e ufficiali giudiziari dai tagli annunciati. Introduce quindi tre deroghe: non verranno ridotte le pensioni di vecchiaia (resta il tetto dei 67 anni di età) e quelle anticipate scelte entro il 31 dicembre 2023. Salve pure le pensioni di vecchiaia dal 2024 in poi. E idem per quelle dei medici che, dal prossimo anno, lasceranno il lavoro prima del tempo, mentre saranno più basse per gli altri dipendenti pubblici. I più critici paventano così allarmi di discriminazioni tra categorie fino a profili di incostituzionalità per la norma. Sotto il profilo dei costi, il governo assicura che le novità non cambieranno i saldi.
    Complessivamente costeranno circa 9 miliardi, spalmati negli anni (dai 10 milioni netti del 2024 ai 29,4 dell'anno dopo fino a 1,1 miliardi del 2043) e coperti in parte con piccoli 'scivoli' che consentiranno comunque a quei lavoratori di andare in pensione (anche senza i parametri della 'vecchiaia') ma con meno soldi. A meno che medici e infermieri non accettino di restano in ospedale fino ai 70 anni e riducendo il minor introito per ogni mese in più che stanno in servizio. Facendo insomma salire l'asticella dell'età anagrafica e toccando dunque 'quota 46'. Per il M5s, dietro l'emendamento c'è "un gioco delle tre carte" e "l'esecutivo continua a usare la previdenza come un bancomat da cui prelevare risorse a suo piacimento".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza