Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Cop28, +1,5 gradi solo tagliando fonti fossili entro il 2030

Cop28, +1,5 gradi solo tagliando fonti fossili entro il 2030

Rapporto,paesi più poveri possono farlo con aiuti internazionali

ROMA, 05 dicembre 2023, 10:37

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Per mantenere valido l'obiettivo di aumento medio della temperatura globale entro 1,5 gradi centigradi, i Paesi ricchi le cui economie sono meno dipendenti dall'estrazione di fonti fossili come Stati Uniti, Regno Unito, Australia, Germania e Canada, devono cominciare da subito ad eliminare gradualmente l'estrazione di combustibili fossili entro il 2031 al più tardi. In ogni caso, l'estrazione di carbone, petrolio e gas deve cessare in tutto il mondo entro il 2050. E' quanto emerge dal rapporto 'Equitable Phaseout of Fossil Fuel Extraction: Towards a reference framework for a fair and rapid global phaseout', elaborata dalla Civil Society Equity Review, che propone un quadro per eliminare gradualmente l'estrazione di carbone, petrolio e gas e per farlo in modo equo.
    I paesi più poveri che dipendono fortemente dai ricavi e dai posti di lavoro legati ai combustibili fossili hanno tempo fino al 2050. Queste scadenze, spiega il rapporto, sono più vicine rispetto a quanto governi stanno pianificando. "Il rigore - spiega la ricerca - non deriva da vincoli di equità, ma dal budget di carbonio rimanente estremamente limitato e coerente con l'obiettivo di 1,5 gradi centigradi". Molti paesi saranno in grado di eliminare gradualmente l'estrazione di fossili "solo se riceveranno un sostegno internazionale" (stima prudenziale è centinaia di miliardi di dollari all'anno) e quindi "i paesi ricchi devono fornire questi finanziamenti per il clima e il sostegno internazionale alla transizione nei paesi più poveri e dipendenti".
    Il rapporto sulle fonti fossili tocca uno degli aspetti cruciali della Cop28 mentre sono in corsi i colloqui sul clima delle Nazioni Unite a Dubai e crescono le aspettative sull'impegno dei governi a includere "una forte menzione sulla eliminazione graduale gestita di carbone, petrolio e gas nei nei testi formali" della Conferenza.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza