Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Borsa: l'Europa debole in attesa di Lagarde, Milano -0,1%

Borsa: l'Europa debole in attesa di Lagarde, Milano -0,1%

L'oro ai massimi, l'Opec+ non convince. Bene Mps e Nexi, giù Eni

MILANO, 04 dicembre 2023, 12:30

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Le Borse europee restano fiacche a metà seduta, con gli investitori che cercano conferme nel quadro macroeconomico alla previsione di un taglio dei tassi in Europa e Stati Uniti già a metà del 2024.
    Londra cede lo 0,3%, Parigi lo 0,2% e Milano lo 0,1% mentre Francoforte avanza dello 0,1% e Madrid dello 0,3%. Deboli anche i future su Wall Street dopo la buona seduta di venerdì, quando gli investitori non hanno mostrato preoccupazione per le parole del presidente della Fed, Jerome Powell, che non ha escluso nuovi rialzi dei tassi, qualora fosse necessario, ma ha anche parlato di una politica monetaria "ben instradata in territorio restrittivo".
    In attesa di ascoltare la presidente della Bce, Christine Lagarde, che nel pomeriggio parlerà a Parigi, i titoli di Stato restano deboli, dopo i forti recuperi delle ultime sedute: il rendimento dei Btp sale di 3 punti base al 4,12%, mentre lo spread con il Bund è poco mosso a 175 punti.
    I tagli alla produzione decisi dall'Opec+ non scuotono il petrolio, con il mercato scettico che potranno asciugare il mercato. Il Wti cede l'1,2% a 73,2 dollari al barile mentre il Brent perde l'1,1% a 77,93 dollari. Male anche il gas, con i future Ttf in calo del 4,4% a 41,56 euro. Tra le materie prime brilla l'oro (+1,2% a 2.067 dollari), che in nottata ha brevemente sfondato quota 2.100 dollari l'oncia.
    A Piazza Affari vanno male i petroliferi, con Saipem (-2,8%), Eni (-2%), Saipem (-1,6%), Pirelli (-1,4%) e Tenaris (-1,3%) mentre continua la corsa di Mps (+3,1%), che esce dallo srep con un capitale quasi doppio rispetto alle richieste della Bce, Nexi (+2%) e Recordati (+1,5%).
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza