Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Guccini a Bologna, 'le osterie erano tristi e romantiche'

Guccini a Bologna, 'le osterie erano tristi e romantiche'

'Se facessi partito neofascista lo chiamerei Fratelli d'Italia'

BOLOGNA, 01 dicembre 2023, 20:50

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Bologna, le serate all'osteria "dove ogni volta spuntavano 60 chitarre" e si suonava tutta la notte un repertorio vastissimo, che andava da Bella Ciao, alle canzoni popolari, da Bob Dylan agli inni nazionali. È un lungo viaggio nella musica e nei ricordi quello che Francesco Guccini traccia nel suo nuovo disco 'Canzoni da osteria'.
    Affollatissima la platea del cinema Modernissimo a Bologna, con il prima fila il presidente della Regione Emilia-Romagna e il sindaco Matteo Lepore, e una lunga la coda di fan che pur avendo comprato il disco, non sono riusciti ad entrare. "Non sono più abituato alla città", scherza Guccini che quasi non vede l'ora di "rintanarsi a Pavana, tra i lupi". Poi dedica un aneddoto ad ogni traccia contenuta nell'album. "Abbiamo scelto 14 canzoni, ne abbiamo tralasciate tante altre. Per ogni canzone che incidi dentro ne lasci fuori 3 o 4", racconta Guccini che spiega come alcuni "brani impossibili" come "Mamì, Le nostre domande, Terra e Acqua" siano entrate a far parte dell'album 'Canzoni da intorto' di cui questo disco è "la naturale prosecuzione".
    Tanti di questi pezzi erano parte di "un repertorio tanto vasto quanto sconclusionato" che Guccini e altri musicisti bolognesi suonavano "all'osteria delle Dame o da Loretta, un altro locale di amici". Tra questi anche gli inni, come quello dei giovani peronisti, che intona dal palco, e quello di Mameli che "bisognerebbe vietare ai calciatori di cantare - sorride - perché è tutta una gran stoneria". Guccini poi si lascia andare ad un commento politico: "Se volessi fondare un partito neo fascista - dice sorridendo - lo chiamerei Fratelli d'Italia, è un nome perfetto".
    Poi di nuovo un tuffo nel passato. "Le osterie - ricorda - erano luoghi tristi e romantici", popolati da studenti di tutte le nazionalità. "Alle Dame c'erano vari gruppetti: i fan dei Beatles, chi sosteneva la musica folk anglo americana, chi amava le canzoni popolari italiani. C'era anche un gruppo di pavullesi amanti delle canzoni popolari. Avevano un repertorio molto bello, ma non erano molto seri nelle prove". In fondo a via Marconi, invece, c'era una cantina dove "c'erano diversi gruppi etnici, noi italiani, i greci, i latino americani".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza