Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Fossati, la musica sta cambiando, dobbiamo essere pronti

Fossati, la musica sta cambiando, dobbiamo essere pronti

Cantautore, ciò che è nuovo va abbracciato

GENOVA, 23 novembre 2023, 15:57

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"La musica sta sicuramente cambiando. Se c'è un momento in cui il cambiamento è in atto è proprio questo. I cambiamenti ci vogliono, ovviamente la musica stessa è materiale duttile, un materiale che si evolve in continuazione per cui non possiamo aspettarci che rimanga uguale a se stessa per tanto tempo, non lo fa, non è così, non può funzionare in questo modo". Lo ha detto, a margine della presentazione del suo corso all'Università di Genova, Ivano Fossati.
    "Dobbiamo essere pronti a quello che arriva - continua Fossati -. Negli anni Sessanta le persone che avevano la mia età oggi ascoltavano i gruppi beat, rock e dicevano che non era musica, la definivano 'rumore', e questo è un errore che si fa spesso nei confronti di ciò che è nuovo. Ciò che è nuovo invece va abbracciato anche quando ci fa un po' male, anche quando sentiamo di non appartenergli. Dobbiamo provare a capirlo".
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza