Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Il Nobel Jon Fosse, 'scrivo per allontanarmi da me stesso'

Il Nobel Jon Fosse, 'scrivo per allontanarmi da me stesso'

Domenica la consegna del premio. "La letteratura salva le vite"

ROMA, 07 dicembre 2023, 18:22

Redazione ANSA

ANSACheck

© ANSA/EPA

© ANSA/EPA
© ANSA/EPA

(di Elisabetta Stefanelli) "Una cosa è certa, non ho mai scritto per esprimermi, come si suol dire, ma piuttosto per allontanarmi da me stesso". Lo ha detto il premio Nobel per la letteratura Jon Fosse, oggi nella sua prolusione in vista della cerimonia ufficiale di consegna che ci sarà domenica 10 dicembre a Stoccolma alla presenza di Re Carlo XVI Gustavo di Svezia.
    L'autore, scelto per il Nobel per la letteratura lo scorso 5 ottobre, parte raccontando un episodio di quando era studente alle medie e non riuscì a leggere ad alta voce, per descrivere il senso del suo essere scrittore. "In un certo senso era come se la paura mi avesse portato via il linguaggio e dovessi riprendermelo, per così dire. E se dovessi farlo, non potrebbe farlo alle condizioni degli altri, ma a modo mio. Ho iniziato a scrivere i miei testi, brevi poesie, racconti. E ho scoperto che farlo mi dava un senso di sicurezza, mi dava l'opposto della paura". Dice di aver imparato la differenza tra lingua parlata e lingua scritta. "La lingua parlata è spesso una comunicazione monologica di un messaggio secondo cui qualcosa dovrebbe essere così o così, oppure è una comunicazione retorica di un messaggio con persuasione o convinzione. La lingua letteraria non è mai così: non informa, è significato più che comunicazione, ha una propria esistenza. E in questo senso, la buona scrittura e tutti i tipi di predicazione sono ovviamente in contrasto tra loro, sia che la predicazione sia religiosa o politica o qualunque essa sia".
    Della sua esperienza di drammaturgo poi, spiega di averla affrontata perché "mi è stato offerto quello che per me era un povero autore, una buon somma di denaro per scrivere la scena di apertura di un'opera teatrale, e finii per scrivere un'intera opera teatrale, la mia prima e ancora più rappresentata, Qualcuno sta per venire". E aggiunge: "La cosa più importante nella vita non può essere detta, ma solo scritta, per distorcere un famoso detto di Jacques Derrida". Sempre sullo scrivere per il teatro: "Scrivere è una professione solitaria, come ho detto, e la solitudine è bella - finché la strada verso gli altri resta aperta, per citare un'altra poesia di Olav H. Hauge. E quello che mi ha colpito la prima volta che ho visto qualcosa che avevo scritto messo in scena su un palco, sì, era esattamente l'opposto della solitudine, era la compagnia, sì, creare arte attraverso la condivisione dell'arte - che mi ha dato un grande senso di felicità e sicurezza". E sulla scrittura: "Se dovessi usare una metafora per l'azione dello scrivere, sarebbe quella dell'ascolto. Quindi è quasi ovvio che la scrittura ricorda la musica".
    Per Fosse "la vita non è davvero credibile. Così come non posso credere di trovarmi qui ora a cercare di dire qualche parola più o meno sensata su cosa significhi scrivere, in occasione dell'assegnazione del Premio Nobel per la letteratura.
    E il fatto che mi sia stato assegnato il premio ha, per quanto ho capito, a che fare sia con il mio dramma che con la mia prosa". Poi, sempre in merito al Nobel, spiega: "Quando è stato annunciato che mi era stato assegnato il Premio Nobel per la letteratura, ho ricevuto moltissime e-mail e congratulazioni, e ovviamente mi ha fatto molto piacere, la maggior parte dei saluti erano semplici e allegri, ma alcune persone hanno scritto che stavano urlando con gioia, altri che si sono commossi fino alle lacrime. Questo mi ha davvero toccato. Ci sono molti suicidi nei miei scritti. Più di quanto mi piaccia pensare. Ho temuto di aver contribuito, in questo modo, a legittimare il suicidio. Quindi ciò che mi ha toccato più di ogni altra cosa sono stati coloro che hanno scritto candidamente che la mia scrittura aveva semplicemente salvato loro la vita. In un certo senso - conclude - ho sempre saputo che la scrittura può salvare delle vite, forse ha salvato anche la mia. E se anche la mia scrittura potesse contribuire a salvare la vita degli altri, niente mi renderebbe più felice. Grazie, Accademia Svedese, per avermi assegnato il Premio Nobel per la Letteratura. E grazie a Dio".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza