Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Scavi italiani, fortificazioni e rete di acque vicino a Baghdad

Scavi italiani, fortificazioni e rete di acque vicino a Baghdad

Missione università di Catania su antica città Tell Muhammad

CATANIA, 29 novembre 2023, 11:22

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Un complesso sistema di fortificazioni e di gestione delle acque che segnava il versante nord-orientale della città di Tell Muhammad, fondata all'inizio dell'epoca paleobabilonese (età di Hammurabi) nei pressi dell'odierna Baghdad è stato portato alla luce da ricercatori dell'università di Catania. È stato scavato per circa 40 metri il muro di cinta che delimitava un canale o un porto fluviale rivolto verso il fiume Tigri. L'antica città fu poi abbandonata in corrispondenza della cosiddetta Caduta di Babilonia (1595 avanti Cristo) da parte del sovrano Ittita Mursili. È quanto emerso dalla seconda campagna di scavi della missione archeologica Baghdad Urban Archaeological Project dell'ateneo etneo realizzata in collaborazione con lo State board of antiquities and Heritage iracheno e col supporto del ministero degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale. La seconda campagna ha confermato i preziosi indizi emersi nel 2022, quando la missione aveva consentito di ritrovare la porta monumentale nella cinta muraria di Hammurabi, oltre a magnifici vasi e a due edifici risalenti al II millennio avanti Cristo.
    I risultati degli scavi saranno al centro di una conferenza stampa dell'archeologo Nicola Laneri, docente di Archeologia dell'università di Catania, che si terrà domani nell'aula magna del Palazzo Centrale dell'ateneo. Alla conferenza 'Sulle tracce di Hammurabi - I risultati degli scavi archeologici a Tell Muhammad' interverranno anche il rettore Francesco Priolo, la direttrice del Disum Marina Paino, il direttore della Scuola di specializzazione in Beni archeologici Daniele Malfitana e l'ambasciatore italiano in Iraq Maurizio Greganti.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza