Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

'Niente pizze preparate da neri', il locale riceve messaggi razzisti

'Niente pizze preparate da neri', il locale riceve messaggi razzisti

Il titolare ristorante di Licata ai clienti su fb: 'Mi fate paura'

AGRIGENTO, 27 novembre 2023, 19:04

Redazione ANSA

ANSACheck

I ragazzi de 'La Fuazzeria di Licata - RIPRODUZIONE RISERVATA

I ragazzi de  'La Fuazzeria di Licata - RIPRODUZIONE RISERVATA
I ragazzi de 'La Fuazzeria di Licata - RIPRODUZIONE RISERVATA

"Non mangio la pizza da te, se è stata preparata dai neri". Era l'inizio di novembre quando Gianluca Graci, titolare del locale "La fuazzeria" di Licata, in provincia di Agrigento, raccontava su Facebook l'episodio di razzismo vissuto nel suo ristorante, ora venuto alla luce.

"Alla soglia del 2024 - ha scritto Graci in un post - devo ancora sentire certi discorsi: sai io non vengo più nella tua pizzeria perché le ultime due volte ho trovato due ragazzi di colore dietro il bancone. Oppure: Non ti dico che sono sporchi, ma già a vedere che mettono le mani negli ingredienti mi fa senso". E Graci: "A me, voi fate senso e mi fate pure paura".

Il ristoratore, nel suo lungo sfogo, ricorda i tanti messaggi dal tenore razzista che ha ricevuto nelle scorse settimane: "Sei in un paese piccolo e devi capire che piano piano potresti perdere clienti. Pure i tuoi colleghi hanno ragazzi di colore, ma li tengono in cucina e non si vedono".

"I neri sapete cosa hanno di diverso dai bianchi? Hanno visto la fame e hanno voglia di riscattarsi. Hanno voglia di imparare, di lavorare e di emergere - scrive il ristoratore -. Sono educati e volenterosi e quando, come è giusto che sia, fai loro un contratto e uno uno stipendio adeguato, ti sono riconoscenti.

A differenza dei bianchi, che vogliono sempre di più senza ricambiare e che ti fanno pure i conti in tasca, possibilmente" Gli episodi di razzismo nel ristorante di Licata hanno fatto seguito a quello del ristorante Ginger di Agrigento, che ebbe come vittima la pluripremiata chef senegalese Mareme Cissè. Anche in quel caso alcuni clienti, scoprendo che la chef era di colore, lasciarono il locale. 

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza