Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Macelleria Palermo, quei morti ammazzati esposti in mostra

Macelleria Palermo, quei morti ammazzati esposti in mostra

Carrellata degli orrori negli scatti di Lannino e Naccari

PALERMO, 12 giugno 2023

FI

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

(di Giovanni Franco) "I primi morti ammazzati che ho fotografato? Gli omicidi avvenuti il 29 dicembre 1982 del fratello di Masino Buscetta, Vincenzo, e del nipote Benedetto: furono massacrati nella vetreria della famiglia a Palermo. Una vera e propria mattanza", ricorda il fotoreporter Franco Lannino che insieme al suo collega Michele Naccari, prima con l'agenzia Publifoto e poi con Studio Camera, ha raccontato uno spaccato di quegli anni cupi della guerra di mafia in Sicilia. Una carrellata di immagini "forti", che finivano sulle prime pagine dei giornali.
    Una selezione di quegli scatti, quaranta stampati su tela, in rigoroso bianco e nero con le descrizioni audio che si possono ascoltare attraverso un app, fa parte adesso della mostra dal titolo inequivocabile "Macelleria Palermo", a Palazzo Naselli, dal 24 giugno al 22 luglio dalle 16,30 alle 19,30.
    "Una iniziativa autoprodotta - dicono Lannino e Naccari - non è la solita mostra, è una full immersion nell'orrore spiegata a coloro che non ne sanno nulla di quel periodo". I due cronisti per arrivare tra i primi sulle scene del crimine stavano collegati allo scanner per ascoltare le comunicazioni di polizia, carabinieri e vigili del fuoco. "Quando scattava l'allarme partivamo a razzo, con l'adrenalina alle stelle, con le moto o l'automobile e a volte eravamo proprio noi a segnalare i delitti ai quotidiani. Una sorta di prenotazione per vendere il nostro servizio", affermano.
    La foto del cadavere doveva essere scattata in pochi secondi. Poi si correva a sviluppare il rullino e a stampare il fotogramma che a volte portavano ancora bagnato alle testate giornalistiche tra le quali l'ANSA. In quegli anni i mezzi di informazione mostravano quelle immagini molto dure in copertina.
    "Quantu 'nni murieru... quantu 'nn'ammazzaru... (Quanti ne sono morti... quanti ne hanno ammazzati... ndr) L'Ora, morti e feriti... Accattativi 'u L'Ora (Comprate L'Ora ndr)", urlavano gli strilloni mostrando le copie dei giornali appena stampati nella tipografia di piazzetta Napoli, dove c'era la redazione del quotidiano della sera palermitano. "La fotografia di Lannino e di Naccari è il ritratto di una città che si è specchiata nel suo stesso sangue, è un modo di intendere la realtà senza pose, senza trucchi ideologici, senza peripezie letterarie - afferma il curatore della mostra, Alessandro de Lisi - nelle fotografie di mafia, di giudici solissimi e di ammazzatine il ritratto di Palermo non è quello della città degli eroi che abbiamo inventato in seguito, piuttosto è ancora quella 'macelleria' che noi abbiamo conosciuto. La stessa città girata dall'altra parte quando salta in aria Rocco Chinnici, dei lamenti per il traffico, anche della 'Palermo bene' per il cantiere dell'aula bunker, quella degli amici di Ciancimino, di quella che sente ancora caldo e sta al mare quando ammazzano Libero Grassi, - aggiunge de Lisi - quella dei condòmini che scrivono lettere ai giornali indignatissimi per la sirena della scorta di Giovanni Falcone e infine la città bastarda dei palermitani che sputano sulle blindate dei magistrati del pool quando passano, perché questi stanno facendo danno al turismo".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Condividi

Errore 404 - Pagina non trovata - ANSA.it Macelleria Palermo, quei morti ammazzati esposti in mostra - Speciali - Ansa.it
404

Pagina non trovata

Le cause principali per cui viene visualizzata una pagina di errore 404 sono le seguenti:

  • un URL digitato erroneamente
  • un segnalibro obsoleto
  • un collegamento datato proveniente da un motore di ricerca
  • un link interno interrotto non rilevato dal webmaster.

Se riscontri il problema, ti invitiamo a contattarci per segnalarlo.

Grazie.

O utilizza