Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

La Nona di Beethoven per i 30 anni del Lirico

La Nona di Beethoven per i 30 anni del Lirico

Tanti nomi di spicco sul palcoscenico del Teatro di Cagliari

CAGLIARI, 05 dicembre 2023, 10:00

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

(di Maria Grazia Marilotti) Un must del repertorio di musica classica per il 30/o compleanno del Teatro Lirico di Cagliari.
    La Nona di Beethoven ha aperto la settimana di manifestazioni (2-8 dicembre) organizzate in occasione dell'inaugurazione del Teatro Carmen Melis, il Ridotto del Lirico, taglio del nastro il 7 dicembre alle 19.
    L'evento di chiusura del trentennale della struttura inaugurata il 2 dicembre 1993 si è svolto sabato scorso. Sul podio un brillante Jaume Santonja alla guida di orchestra e coro. Applausi anche per il soprano Marigona Qerkezi, il mezzosoprano Natalia Gavrilan, il tenore Matteo Desole e il basso Dongho Kim. Una storia di grandi spettacoli e riconoscimenti. Nel 2001 è arrivato per il Lirico il prestigioso premio Abbiati per la qualità del programma, il gran numero di prime nazionali e la proposta di rarità musicali.
    Ad aver fatto la storia del nuovo Teatro sono i nomi di prim'ordine che si sono alternati sul podio: a partire da Carlos Kleiber, Claudio Abbado, Riccardo Muti, Zubin Mehta, Lorin Maazel, Georges Prêtre, Carlo Maria Giulini e molti altri.
    Nomi di spicco del solismo per citarne solo alcuni: Maurizio Pollini, Martha Argerich, Murray Perahia, Mikhail Pletnev, Viktoria Mullova e Yuri Bashmet. Il Lirico ha poi ospitato prestigiose orchestre come Wiener Philharmoniker, London Philharmonic Orchestra, Philharmonia Orchestra, New York Philharmonic. E registi del calibro di Luca Ronconi, Dario Fo, Pier Luigi Pizzi, Graham Vick, Stephen Medcalf, tra i tanti.
    In questi tre decenni si sono susseguiti diversi sovrintendenti: Luciano Fozzi (1993); Angela Spocci (1994), Giuseppe Giuliano (1995) e Mario Carboni (1996), commissari alla sovrintendenza. Il periodo 1996-2004 è stata l'era di Mauro Meli, che poi ritornerà alla guida nel 2014 anche in qualità di direttore artistico, sua la scelta di affidare a Pinuccio Sciola la scenografia di Turandot. Dal 2004 al 2010 la guida è affidata a Maurizio Pietrantonio. Fino a qui direttore artistico è ininterrottamente Massimo Biscardi.
    Dal 2011 al 2012 la sovrintendenza va a Gennaro Di Benedetto; nel 2013 è arriva Marcella Crivellenti, direzione artistica Umberto Fanni; nel 2015 ritorna come sovrintendente Angela Spocci; nel 2016 e fino al 2019 tocca a Claudio Orazi con Meli direttore artistico, anni segnati da un nuovo slancio di relazioni internazionali, come con la produzione de La Campana sommersa a New York. Dal 2020 a oggi guida il Lirico Nicola Colabianchi, sovrintendente e direttore artistico che prosegue con i progetti di internazionalizzazione come L'elisir d'amore rappresentata a Muscat.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza