Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Lavoratori Eurallumina con caschi e sirene a Villa Devoto

Lavoratori Eurallumina con caschi e sirene a Villa Devoto

Sit-in di protesta per il rilancio della fabbrica di Portovesme

CAGLIARI, 29 novembre 2023, 10:27

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Striscioni e bandiere dei sindacati davanti a Villa Devoto. E sirene e trombe in azione per fare più rumore possibile. I lavoratori dell'Eurallumina di Portovesme, oltre una cinquantina, stamani sono arrivati con tute e caschi davanti alla sede di rappresentanza della Giunta regionale.
    Un presidio, promosso da Filctem Cgil, Femca Cisl e Uiltec Uil, per chiedere che, entro la prima metà di dicembre, venga sottoscritto l'addendum al protocollo d'intesa propedeutico al progetto di rilancio della fabbrica di allumina e la ripresa occupazione di circa 1500 operai. Di conseguenza, sostengono le sigle, deve essere sottoscritto l'accordo per la collocazione in Cigs per le aree crisi industriale complessa di tutto il personale coinvolto.
    "Allo stato attuale - spiegano i lavoratori e i sindacati - sommati i numerosi rinvii susseguitisi con regolare cadenza nel corso di tutti questi anni di vertenza appena trascorsi, la stessa Regione e l'attuale Governo non sono riusciti a determinare il raggiungimento di un risultato alcuno, se siescludono la Delibera relativa al PAUR e il fondamentale dissequestro di una parte del 'Sito di stoccaggio dei residui di lavorazione', entrambe i risultati ottenuti nel mese di maggio di quest'anno, ebbene, ad oggi oltre a ciò null'altro è stato sostanzialmente raggiunto se non perdite di tempo su perdite tempo se non sporadiche dichiarazioni d'intenti".
    Obiettivo: un tavolo a Roma per risolvere una vertenza che va avanti da 15 anni. Anche per sollecitare la realizzazione della "dorsale del gas".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza