Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Sciopero Cgil e Uil, oggi a Cagliari c'è Landini

Sciopero Cgil e Uil, oggi a Cagliari c'è Landini

"Adesso basta", corteo da palazzo della Regione Sardegna

CAGLIARI, 27 novembre 2023, 10:03

Redazione ANSA

ANSACheck

Landini - RIPRODUZIONE RISERVATA

Landini - RIPRODUZIONE RISERVATA
Landini - RIPRODUZIONE RISERVATA

"Adesso basta!", seconda parte.
    Oggi lo sciopero generale della Sardegna porterà in piazza la protesta dell'isola contro la legge di bilancio e le politiche del governo Meloni. Ma nel mirino ci sono anche la finanziaria locale e in generale le politiche del governo regionale.
    L'appuntamento, in piazzale Trento, davanti al Palazzo della Giunta regionale, per il corteo che arriverà fino a piazza del Carmine. Conclusioni del segretario generale della Cgil Maurizio Landini e del segretario nazionale della Uil Emanuele Ronzoni.
    "La Sardegna ha tante ragioni in più per scioperare - aveva detto il segretario della Cgil sarda Fausto Durante nella conferenza stampa organizzata in concomitanza con l'assemblea Filcams Cgil e Uiltucs - perché la legislatura che volge al termine si è purtroppo distinta per una netta inadeguatezza davanti alla grandi emergenze che vivono i lavoratori e le lavoratrici, le famiglie, le pensionate, i pensionati e i giovani, ai quali sono negati diritti essenziali come la sanità, l'istruzione, la mobilità interna, la continuità territoriale".
    La condizione economica - ricordano i sindacati - posiziona l'Isola al 200/o posto fra le 235 regioni europee e si caratterizza in negativo per gli indici infrastrutturali materiali e immateriali. "Con la colpevole collaborazione del governo nazionale - ha detto Durante - questa Giunta ha prodotto poco e nulla anche sul fronte delle risorse e dei progetti per uscire dalla condizione di insularità nonostante il riconoscimento ottenuto nella Costituzione".
    All'attacco anche la Uil: "Non si trovano soluzioni - ha detto la segretaria regionale Maria Francesca Ticca - per i sardi in questa finanziaria. Pensiamo anche all'energia alternativa: ci chiediamo quanto i sardi stiano incidendo sulle scelte del loro futuro. Chiaro che la Sardegna ha bisogno di una programmazione regionale forte. L'isola ha necessità di maggiore attenzione a livello locale e nazionale. Il concetto di insularità per ora è solo un contenitore vuoto. È importante che governo nazionale e regionale ascoltino e cambino atteggiamento sui bisogni dei sardi".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza