Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Glencore, salta il progetto pilota Li Demo a Portovesme

Glencore, salta il progetto pilota Li Demo a Portovesme

Sindacati, scelto un altro insediamento industriale all'estero

CAGLIARI, 23 novembre 2023, 09:58

Redazione ANSA

ANSACheck

protesta portovesme srl - RIPRODUZIONE RISERVATA

protesta portovesme srl - RIPRODUZIONE RISERVATA
protesta portovesme srl - RIPRODUZIONE RISERVATA

"Le preoccupazioni che avevamo esternato si sono puntualmente concretizzate: nella riunione di oggi la Portovesme srl ha comunicato che il progetto pilota Li Demo non si farà a Portovesme ma in un altro insediamento industriale fuori dall'Italia".
    Così, in una nota, le segreterie territoriali di Filctem-CGIL, Femca-CISL e Uiltec-UIL guidate rispettivamente das Emanuele Madeddu, Vincenzo Lai e Pierluigi Loi.
    "La corretta decisione di sottoporre il progetto alla procedura di valutazione di impatto ambientale si è scontrata, motivo delle nostre preoccupazioni, con l'assenza di certezza dei tempi - sostengono i sindacati - condizione inaccettabile per chiunque voglia fare impresa. Il progetto non verrà trasferito certamente in Stati dove non esistono norme a tutela dell'ambiente, ma in uno Stato con le norme giuridiche simili all'Italia. La decisione comporta la perdita di 27mila ore lavoro per l'installazione da parte delle imprese d'appalto e l'utilizzo di 20/30 lavoratori diretti. Il paradosso sarà che l'impianto verrà realizzato con know-how progettato dai tecnici della Portovesme srl e forse realizzato dagli stessi tecnici".
    "Siamo di fronte ad una situazione inaccettabile, da un lato si spinge e lavora per avviare il processo di decarbonizzazione e dall'altro si rallentano tutti i piani che si inseriscono nell'ambito della transizione energetica; a oggi non esiste neppure una normativa che regolamenti l'utilizzo delle materie critiche. Riteniamo che il legislatore debba intervenire su questa materia per dare gli strumenti normativi al decisore tecnico".
    "L'unica nota positiva emersa nella riunione odierna - concludono le sigle sindacali - è che Glencore ha confermato la volontà di proseguire lo sviluppo del progetto definitivo sul litio a Portovesme, ma attenzione se rimane l'attuale atteggiamento di Regione e Governo fatto di sola diffidenza senza indicare percorsi in linea con il percorso Europeo recepito recentemente con la votazione delle Commissione Industria del Senato il destino appare segnato. Intanto Francia e Germania intervengono sul prezzo dell'energia con azioni a favore delle aziende energivore rendendo l'Italia sempre meno competitiva, la Sardegna propone soluzioni giuridiche inattuabili come la golden power. Una politica industriale fallimentare".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza