Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

4 Novembre: Crosetto, 'in prima linea per la difesa della pace'

4 Novembre: Crosetto, 'in prima linea per la difesa della pace'

Ministro: 'Impedire che guerra Gaza scateni una nuova Lepanto'

CAGLIARI, 04 novembre 2023, 14:15

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"L'Italia è stato il primo Paese a dare segnali inversi alla guerra. Bisogna agire e noi siamo stati i primi a farlo, con aiuti umanitari". Così il ministro della Difesa, Guido Crosetto, a margine delle celebrazioni del 4 Novembre a Cagliari. "Stiamo attrezzando un ospedale su una nave, per aiutare i civili, le vittime inermi di questa guerra e stiamo pensando di costruire un ospedale sulla terra. Quando c'è una guerra - ha chiarito - bisogna che qualcuno dia un segnale di pace e noi lo stiamo dando con gli aiuti umanitari a Gaza".
    "Il compito primario delle Forze Armate - ha sottolineato Crosetto - è la difesa della pace, in patria e all'estero. Un compito diventato, ora, ancora più impegnativo e complesso. Vi è una sfida cruciale da vincere: impedire che quanto sta accadendo nella striscia di Gaza scateni una nuova Lepanto, una nuova, assurda, guerra di civiltà religiosa, politica, ideologica, tra cristianesimo e Islam, tra Occidente e Oriente, Europa e Stati arabi".
    "Il lavoro delle nostre Forze Armate - ha aggiunto - merita di essere riconosciuto anche attraverso un momento di riflessione collettiva, quale una festività nazionale; ancor di più considerando il quadro internazionale in cui ci muoviamo, caratterizzato da una grande preoccupazione per il riesplodere delle tensioni in Medio Oriente".
    "Ma il compito delle Forze Armate - ha osservato il ministro - è anche quello di proteggere la democrazia, i suoi valori, le libertà civili, politiche e sociali, ereditate dai nostri Padri".
    "La Difesa - ha evidenziato Crosetto - deve prepararsi a tutti gli scenari, molto spesso nella nostra vita evitiamo di pensare alle cose peggiori, ma quando fai il ministro della Difesa, per la sicurezza del Paese, devi pensare anche agli scenari peggiori e lavorare per evitare e fermare che ciò arrivi davanti a te. Nel mondo occidentale c'è unità di intenti, tutti vogliono la pace, e gli Stati Uniti sono quelli che si stano muovendo più di tutti per questo".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza