Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Guerra di mafia a Bari, otto arresti tra componenti clan

Guerra di mafia a Bari, otto arresti tra componenti clan

Omicidi e vendette che si consumarono nel 2017 nel rione Japigia

BARI, 29 novembre 2023, 12:17

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

(ANSA) - BARI, 29 NOV - Si riferiscono agli omicidi di Francesco Barbieri e Nicola De Santis, commessi nel quartiere Japigia di Bari il 17 gennaio e il 12 aprile 2017, gli otto arresti eseguiti oggi dalla polizia a Bari, Benevento, Cagliari, Siracusa e Teramo. Gli arrestati, tutti pregiudicati, sono accusati anche di un tentato omicidio, porto e detenzione di armi da guerra e armi comuni da sparo, favoreggiamento e ricettazione, tutti delitti aggravati dal fine di agevolare l’attività del clan Palermiti, associazione di tipo mafioso di cui gli otto facevano parte. Quattro di loro erano già in diverse carceri italiane per altri reati. Le misure, emesse dal gip di Bari, sono state richieste dalla Dda. Barbieri, la sera del 17 gennaio di quell’anno, era a bordo della propria auto quando fu avvicinato da due sicari su uno scooter e colpito a morte con cinque colpi di pistola, nei pressi del liceo scientifico Salvemini. La vittima, secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, era a capo di una “prosperosa e ramificata rete di spaccio di cocaina”, acquistata dal clan Palermiti. Un mese prima dell’omicidio, aveva però iniziato a rifornirsi di stupefacenti da un altro gruppo criminale, quello riferibile ad Antonio Busco, sempre operativo nel quartiere Japigia. L’omicidio di Barbieri innescò la vendetta del gruppo di Busco: il 6 marzo, infatti, Giuseppe Gelao fu ucciso a colpi di pistola e Antonino Palermiti fu gravemente ferito. “A quel punto, l’intero mondo criminale del quartiere Japigia, composto dai Parisi e dai Palermiti, avrebbe deciso di fare terra bruciata intorno al gruppo” di Busco, scrive la polizia. Tre sicari, con pistole e kalashnikov, intercettarono l’intero gruppo di Busco in via Archimede ed esplosero decine di colpi di arma da fuoco. Nel conflitto fu ucciso De Santis, che provò inutilmente la fuga a bordo di una moto: uno dei colpi esplosi nei suoi confronti distrusse una finestra del liceo Salvemini.

  Per l’omicidio di Gelao e il tentato omicidio di Palermiti, il 26 ottobre scorso, Antonio Busco è stato condannato all’ergastolo, con l’aggravante mafiosa, dalla Corte di Assise di Bari. “L’ordinanza cautelare, eseguita in data odierna, chiude il cerchio investigativo sui tre fatti di sangue, attraverso la ricostruzione storica degli eventi e l’individuazione di cause, movente e autori”, scrivono gli inquirenti. 


   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza