• CRV - Ciambetti: Covid, bisogna marciare uniti ma governo va in direzione opposta a quella del Paese
COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale CONSIGLIO REGIONALE VENETO

CRV - Ciambetti: Covid, bisogna marciare uniti ma governo va in direzione opposta a quella del Paese

Il Presidente del Consiglio regionale del Veneto: “Le Regioni sono inascoltate"

CONSIGLIO REGIONALE VENETO

Covid - Ciambetti: “Bisogna marciare uniti, ma governo marcia in una direzione opposta a quella presa dall’intero Paese. Le Regioni sono inascoltate”

(Arv) Venezia 27 ott. 2020 - “Il premier Conte ha ragione quando dice, cito testualmente dalla agenzie di oggi ‘ se perdiamo di vista l'obiettivo di marciare tutti insieme nella stessa direzione per uscire dalla pandemia, rischiamo di aggravare la situazione nel Paese’. Il problema è che il paese sta marciando in una direzione che non è quella in cui marcia il Primo Ministro”.  Roberto Ciambetti, presidente del Consiglio regionale del Veneto non nasconde le sue “preoccupazioni per quanto sta accadendo: i provvedimenti assunti dal Governo sono palesemente inadeguati e non calati nella realtà – spiega Ciambetti -  Le Regioni non sono state ascoltate, quando l’emergenza avrebbe imposto ben altro dialogo. Quello che manca, e non per colpa delle Regioni, è quell’idem sentire de republica di cui avremmo bisogno e che invece il governo s’ostina a contrastare non da ultimo infrangendo sistematicamente quel patto di leale collaborazione che dovrebbe unire, e a maggior ragione nei momenti più drammatici, le istituzioni democratiche. Lo stato e il governo dovrebbero essere la sintesi di una comunità plurale, cosa che oggi non accade, mentre nella cittadinanza e tra gli attori socio-economici emerge un sentimento di sfiducia e la netta sensazione dell’impreparazione di questo esecutivo e la sua inadeguatezza rispetto all’emergenza”

Archiviato in


Modifica consenso Cookie