• Guerra acqua tra Molise e Puglia, esposto a Corte dei Conti

Guerra acqua tra Molise e Puglia, esposto a Corte dei Conti

Ex consigliere, prelievi continui e mancati ristori a Molise

(ANSA) - CAMPOBASSO, 27 GEN - Un esposto alla Corte dei Conti del Molise "teso ad accertare eventuali danni e responsabilità per danni alla Regione Molise inerente il continuo prelievo di acqua dall'invaso artificiale di Occhito da parte della Regione Puglia, disattendendo il duplice deliberato delle due Amministrazioni che rimandava a successiva, mai definita, regolamentazione a ristoro". Lo ha presentato oggi l'ex consigliere regionale del Molise, Salvatore Ciocca. "Nella speranza - ha spiegato - che tale azione, sinora rinviata nell'attesa di provvedimenti risolutivi mai formulati da chicchessia, possa essere redimente per il Molise e soprattutto agitare le coscienze per impedire ulteriori 'approvvigionamenti'". Ciocca, a margine, ha posto anche l'accento sugli ultimi avvenimenti relativi ad un possibile prelievo di acqua dal Molise attraverso una condotta di collegamento tra l'invaso del Liscione, a Guardialfiera (Campobasso), e l'impianto di 'Finocchito' in territorio pugliese. Lo spunto, da una nota del Consorzio della Capitanata di Foggia. Dal documento, nel quale sono riportate le dichiarazioni del vice presidente della Regione Puglia, Raffaele Piemontese, si apprende di "una nuova infrastruttura che potrebbe trasferire un quantitativo considerevole di risorsa idrica dal Molise alla Puglia da utilizzare per gli usi potabili che attualmente gravano sull'invaso di Occhito. È un'infrastruttura sulla quale stiamo puntando in modo decisivo". "Si tratta un progetto che è stato già argomento di interlocuzione tra i tecnici delle Istituzioni delle due Regioni - prosegue la nota del Consorzio - che prevede il collegamento degli schemi idrici del Fortore (Puglia) e del Biferno (Molise) realizzabile attraverso il prolungamento, sino al nodo idraulico di Finocchito, dell'adduttore che parte dall'invaso di Ponte Liscione per alimentare i comprensori irrigui del Basso Molise. Il collegamento idraulico tra i due schemi conferirà all'adduttore in costruzione la duplice funzione di alimentare i comprensori irrigui del Basso Molise e trasferire in Puglia parte della risorsa idrica invasata a Ponte Liscione per un volume medio annuo stimato in 40-70 mln di metri cubi. Un'opera strategica che evita disperdere la risorsa in Molise e aumenta la disponibilità della risorsa per l'agricoltura in Puglia riducendo il prelievo dalla diga di Occhito a fronte di un ristoro per la Regione Molise da definire nell'ambito di un futuro accordo di programma tra le Regioni".
    (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie