Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Rallenta l'industria lombarda, produzione in calo dell'1,5%

Rallenta l'industria lombarda, produzione in calo dell'1,5%

Male gli ordini interni, boom prezzi materie prime per artigiani

MILANO, 20 novembre 2023, 13:42

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

ll progressivo peggioramento del quadro internazionale raggiunge le imprese lombarde che registrano un calo di produzione industriale sia rispetto al trimestre precedente (-0,7%) sia su base annua (-1,5%). Resiste l'artigianato (+0,2% congiunturale) dove preoccupa però il calo degli ordini.
    Sono i dati dell'analisi congiunturale dell'industria manifatturiera in Lombardia nel terzo trimestre. Con inflazione e caro-tassi che provocano una contrazione dei consumi, gli ordini interni soffrono maggiormente con un calo deciso per l'industria (-1,4% congiunturale) e più contenuto per l'artigianato (-0,3%). Anche gli ordini esteri flettono rispetto al trimestre precedente: -0,3% l'industria e -0,1% l'artigianato. Si attenua il caro prezzi delle materie prime per l'industria con un +0,8% sul trimestre precedente, ma cresce molto per l'artigianato (+4,5%). Il portafoglio ordini scende a 81 giornate di produzione assicurata (10 in meno del trimestre precedente), segno che la produzione è stata sostenuta anche dallo smaltimento di ordini pregressi. A causa dei fattori esterni le aspettative e il clima di fiducia sono incerte e prevalgono le attese di stagnazione per tutti gli indicatori.
    "Il crollo degli ordini interni, la lenta inversione di tendenza dei prezzi e il calo degli investimenti generato dall'aumento del costo del denaro sono le principali cause del rallentamento della produzione industriale in Lombardia" dice Francesco Buzzella, presidente di Confindustria Lombardia.
    "Alcuni settori in particolare mostrano segnali di maggiore sofferenza, come il chimico e il tessile ma alcuni segnali fanno sperare in una rapida ripartenza: il saldo occupazionale positivo e la cig in calo sono sintomo di fiducia delle imprese che, nonostante la congiuntura negativa, continuano a produrre a pieno organico", conclude. "I fattori esterni condizionano la performance delle imprese lombarde ma la speranza è quella di poter ripartire nella giusta direzione", aggiunge Gian Domenico Auricchio, presidente di Unioncamere Lombardia. "Il flusso di nuovi ordinativi è il vero punto debole per il 2023. In particolare sulla Lombardia grava la fase critica che sta attraversando l'economia tedesca", conclude Auricchio.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza