Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Vigilessa uccisa, ergastolo per le due figlie e per Mirto Milani

Vigilessa uccisa, ergastolo per le due figlie e per Mirto Milani

Pena massima per tutti gli imputati per l'omicidio del 2021

BRESCIA, 08 dicembre 2023, 12:04

Redazione ANSA

ANSACheck

Una foto di Laura Ziliani presa dal suo profilo Facebook - RIPRODUZIONE RISERVATA

Una foto di Laura Ziliani presa dal suo profilo Facebook - RIPRODUZIONE RISERVATA
Una foto di Laura Ziliani presa dal suo profilo Facebook - RIPRODUZIONE RISERVATA

Ergastolo per tutti. Perché tutti hanno partecipato all'omicidio, alla preparazione e alla fase successiva con l'occultamento del cadavere. Così ha deciso la Corte d'Assise di Brescia che ha condannato al fine pena mai Paola e Silia Zani e Mirto Milani, il trio criminale che l'8 maggio 2021 a Temù in Vallecamonica ha ucciso Laura Ziliani, ex vigilessa del paese bresciano e madre delle due imputate.

Il corpo venne poi sepolto vicino al fiume Oglio e una piena dello stesso corso d'acqua esattamente tre mesi dopo, l'8 agosto 2021, spostò la terra mista calce utilizzata per il seppellimento e fece riemergere il cadavere ormai irriconoscibile di Laura Ziliani. L'autopsia stabilì che la donna venne prima stordita con delle benzodiazepine inserite in alcuni muffin e strangolata da Silvia prima e Mirto poi, mentre Paola la teneva ferma sul letto. I tre hanno confessato mesi dopo l'arresto avvenuto il 24 settembre 2021 e solo dopo la chiusura indagini quando Mirto scoprì che le confessioni riferite al compagno di cella erano diventate prove contro di lui.

La sentenza di condanna per omicidio volontario aggravato dalla premeditazione e dall'aver commesso il fatto in danno dell'ascendente è arrivata dopo tre ore di camera di consiglio e alla lettura del dispositivo del presidente Roberto Spanò gli imputati non hanno reagito. Sono rimasti immobili e poi hanno lasciato l'aula senza far trasparire alcuna emozione. I giudici hanno accolto pienamente le richieste del pubblico ministero Caty Bressanelli che aveva chiesto l'ergastolo per tutti "perché è impossibile dividere le responsabilità di un gruppo che ha unito compatto".

I legali dei tre imputati, che non hanno voluto commentare la sentenza, avevano provato in ogni modo a far evitare l'ergastolo ai loro assistiti. "L'intero dibattimento ci ha mostrato che il soggetto meno convinto del piano omicidiario e che ha sempre tentato di tirarsi indietro è Mirto Milani, che invece all'inizio era indicato come il manipolatore del gruppo", ha detto davanti alla Corte d'Assise di Brescia l'avvocato Simona Prestipino, difensore di Mirto Milani. "Mirto cavalca le problematiche che ci sono tra figlie e mamma e sviluppa l'idea di eliminare il nemico. Non sappiamo da chi sia nata l'idea di uccidere Laura, ma un elemento sicuro c'è: l'idea non è partita da Paola", la tesi invece dell'avvocato Cesari, difensore di Paola Zani, che con i suoi 21 anni è la più giovane del trio.

"Mi chiedo se Silvia, che ragiona come una adolescente e che è fredda perché non ha mai avuto affetto, fosse totalmente capace di intendere e volere quando quella sera di maggio si è trovata nella camera dove ha ucciso la madre", la strada scelta dall'avvocato Maria Pia Longaretti, per chiedere che Silvia Zani, la maggiore delle figlie e all'epoca fidanzata di Mirto, non venisse condannata all'ergastolo.

Tutte le richieste della difesa sono state rigettate dalla Corte d'Assise di Brescia che ha condannato all'ergastolo i tre imputati con isolamento diurno di sei mesi. Non solo. La sentenza prevede una provvisionale immediatamente esecutiva di 200mila euro nei confronti della sorella disabile delle imputate - rimasta senza madre dopo che già il padre era morto nel 2012 per un incidente in montagna. Disposto anche un risarcimento di 100mila euro nei confronti dell'anziana madre dell'ex vigilessa e nonna delle imputate e 50mila per per ognuno dei due fratelli della donna uccisa l'otto maggio del 2021 a Temù. 
   

Video Vigilessa uccisa nel Bresciano, tre imputati condannati all'ergastolo

 

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza