Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

'Basta stipendi da fame', lavoratori incatenati al Museo del 900

'Basta stipendi da fame', lavoratori incatenati al Museo del 900

'Passare a contratto Federculture con giusto inquadramento'

MILANO, 03 dicembre 2023, 17:53

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Sciopero dei lavoratori dei musei civici di Milano, che questa mattina si sono incatenati nell'atrio del Museo del Novecento in protesta contro "gli stipendi da fame" che percepiscono, chiedendo "un accordo vincolante che preveda l'applicazione del Ccnl Federculture per chi è in appalto - spiegano da Slang Usb - e l'inquadramento da subito nel giusto livello, il terzo livello impiegati e non il secondo livello operai".
    Una quindicina di persone si sono riunite in protesta con cartelli con scritto 'arte povera a 7,24 euro l'ora', 'incatenati alla precarietà', 'Vogliamo dignità basta stipendi da fame' e 'Basta Ccnl - Federculture subito' dopo che già ieri era stato affisso lo striscione 'Museo dei novecento euro al mese' fuori dal palazzo.
    "Le catene della precarietà - aggiungono dal sindacato - non costringono solo la realtà lavorativa con contratti precari, ma l'intera vita: uno stipendio di 7-8-900 euro, con turni di lavoro che tengono in ostaggio la possibilità di gestire il tempo fuori da lavoro, non permettono di vivere una vita dignitosa".
    Per i lavoratori, che ribadiscono "la necessità di un confronto al più presto con aziende e Comune", l'applicazione del contratto di lavoro Federculture è "un passaggio necessario per andare verso la reinternalizzazione di tutti i lavoratori impiegati nei siti pubblici. Lo sciopero ha causato la chiusura di diversi musei e creato disservizi con chiusure parziali in quelli maggiori - concludono - che sono presidiati anche da volontari, oltre che dai dipendenti comunali".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza