Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Ucciso con freccia: imputato, sono disperato per quanto fatto

Ucciso con freccia: imputato, sono disperato per quanto fatto

"Non riesco a perdonarmi". Figlia vittima, "voglio giustizia"

GENOVA, 07 dicembre 2023, 15:25

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Ho fatto la più grossa stupidaggine della mia vita che nn riuscirò mai a perdonarmi. Mi porto il peso di avere ucciso un uomo giovane e di avere lasciato un bimbo senza il suo papà". E' quanto ha detto in aula Evarisco Scalco, il maestro d'ascia che la notte tra l'1 e il 2 novembre 2022 ha ucciso con una freccia Javier Alfredo Miranda Romero, l'uomo che stava festeggiando la nascita del figlio in centro storico con un amico.
    "Ho visto due persone per strada. Uno dei due ha iniziato a fare la pipì contro una saracinesca. Ho detto loro gentilmente di non farlo. Mi hanno guardato e detto che non erano affari miei. Così è degenerata, hanno iniziato a farfugliare, mi hanno insultato. Poi sono andato in cucina e mentre ritornavo in salotto ho sentito un botto enorme e odore di polvere da sparo.
    Mi avevano tirato un petardo in casa. Quando si è raffreddato gliel'ho lanciato contro. Mi hanno insultato. Ma io ho risposto che non ero scemo visto che erano in due". La situazione sembra tornare tranquilla, secondo l'imputato. Dopo forse cinque minuti "ho sentito un altro botto. A quel punto ho afferrato l'arco è l'ho mostrato. Pensavo di mettere paura e che finisse lì.
    Purtroppo non è andata così, mi hanno continuato a insultare. E io forse ho detto "stranieri di m... o persone di m.... Non è da me non sono razzista". Poi il colpo scoccato con l'arco. "Non volevo colpire nessuno ma i vasi di plastica. Ho capito che lo avevo ferito quando l'ho visto cadere a terra. A quel punto sono sceso in strada e mi interessava solo di soccorrerlo. Oggi sono disperato perché non volevo ucciderlo".
    Il pentimento non ha convinto la figlia più grande della vittima. "Non ho visto un pentimento al 100% - ha spiegato la giovane dopo l'udienza - sono uscita dall'aula perché non ce la facevo a sentire. Chiedo venga fatta giustizia per mio papà, per il mio fratellino e per me". In mattinata era stata sentita la compagna di Scalco che tra le lacrime ha detto: "sentiamo la responsabilità della vittima, faremo di tutto per aiutarli anche economicamente".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza