Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Cgil-Uil, in Fvg attese 100mila adesioni allo sciopero

Cgil-Uil, in Fvg attese 100mila adesioni allo sciopero

'Contro la manovra del governo'. Si protesta anche il 24/11

UDINE, 16 novembre 2023, 19:17

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Sono circa 100mila in Friuli Venezia Giulia i lavoratori dei settori scuola, trasporto pubblico, poste, sanità, pubblica amministrazione e servizi in appalto che potrebbero aderire allo sciopero generale di domani indetto da Cgil e Uil per dire 'no' alla manovra finanziaria del governo Meloni. Trecentomila, invece, quelli che potrebbero essere coinvolti nella seconda giornata di protesta, programmata per il 24 novembre, quando si fermeranno i settori privati, dal manifatturiero al terziario, in tutte le regioni del settentrione. Lo hanno annunciato oggi a Udine i segretari regionali di Cgil e Uil, Villiam Pezzetta e Matteo Zorn, ribadendo le ragioni degli scioperi e dei presidi organizzati per le due giornate tra Trieste, Gorizia, Pordenone e Udine.
    "Una finanziaria che non possiamo accettare e che chiediamo venga riscritta - hanno detto - in quanto peggiora addirittura quota 103, reintroduce una versione ridotta di Opzione donna, peggiora i requisiti per l'accesso all'Ape sociale e per il calcolo della quota retributiva delle pensioni". Sotto accusa anche la conferma dei tagli alla rivalutazione delle pensioni, la mancanza di misure di contrasto all'evasione fiscale e la scelta di non tassare gli extraprofitti e i grandi patrimoni".
    Confermata la durata dell'astensione dal lavoro, che sarà di 8 ore o dell'intera giornata e turno di lavoro in tutti i settori, con l'eccezione del trasporto pubblico, dove lo sciopero è stato rimodulato a 4 ore, dalle 9 alle 13. "Pur ribadendo con forza le motivazioni e la legittimità dello sciopero - hanno spiegato Pezzetta e Zorn - Cgil e Uil nazionali, d'intesa con i sindacati di categoria, hanno scelto di evitare, dopo la precettazione decisa dal ministro dei Trasporti, uno scontro sulle regole che avrebbe finito per penalizzare innanzitutto i lavoratori".
    Sull'assenza della Cisl alla protesta, Pezzetta e Zorn hanno detto di rispettare le diverse posizioni, ma di augurarsi "che presto si torni a manifestare insieme".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza