Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Banca d'Italia, prosegue il rallentamento della crescita in Fvg

Banca d'Italia, prosegue il rallentamento della crescita in Fvg

Nei primi 6 mesi bene servizi e costruzioni,si contrae industria

TRIESTE, 13 novembre 2023, 13:00

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Nella prima metà del 2023 in Friuli Venezia Giulia è proseguito il rallentamento della crescita economica, avviatosi nel 2022; l'indicatore trimestrale dell'economia regionale, elaborato dalla Banca d'Italia, è salito dello 0,9% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, in linea con l'andamento del Pil italiano (+1,1% nel primo semestre nella media italiana). E' quanto emerge dall'aggiornamento congiunturale sull'economia del Fvg, presentato oggi nella sede di Trieste dalla Banca d'Italia.
    La crescita in regione, osserva Bankitalia, si è concentrata nel primo trimestre per poi annullarsi nel secondo; i servizi e le costruzioni hanno continuato a fornire un contributo positivo a cui si è contrapposto l'andamento negativo dell'industria in senso stretto.
    Secondo l'indagine congiunturale, la produzione industriale si è contratta del 6,8% a prezzi costanti rispetto al primo semestre 2022 e le vendite sono diminuite sempre in termini reali del 4,2%, in misura più accentuata nel mercato interno rispetto a quello estero. L'andamento negativo è stato guidato dal comparto del legno e arredo e dalla metallurgia, parzialmente compensato dalla crescita della meccanica. Gli investimenti hanno ristagnato, frenati anche dall'aumento del costo del credito. Le attese di breve termine formulate dalle imprese industriali all'inizio dell'autunno prefigurano una sostanziale stabilità dell'attività economica; i piani di investimento per il 2024 restano improntati alla cautela.
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza