Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Mostre, Lippo di Dalmasio e le arti a Bologna tra '300 e '400

Mostre, Lippo di Dalmasio e le arti a Bologna tra '300 e '400

Una trentina di opere tra dipinti, sculture, manoscritti miniati

BOLOGNA, 16 novembre 2023, 11:18

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

La prima mostra dedicata alla figura di Lippo di Dalmasio, il più celebrato dei pittori bolognesi del tardo Medioevo, documentato a Pistoia e a Bologna dal 1377 al 1410, sarà allestita dal 18 novembre al 17 marzo al Museo medievale di Bologna. Attraverso una trentina di opere, tra dipinti, sculture e manoscritti miniati, la mostra intende ripercorrere l'attività di questo maestro, facendo riferimento al contesto artistico locale. Figlio del pittore Dalmasio e nipote del noto artista Simone di Filippo Benvenuti, detto Simone dei Crocifissi, Lippo appartenne alla prestigiosa famiglia degli Scannabecchi. Come il padre fu a lungo attivo in Toscana, dove è probabile abbia intrapreso la sua attività, ottenendo le sue prime importanti commissioni. Un'esperienza che incise sulla sua prima formazione, portandolo poi a svolgere un importante ruolo di raccordo artistico tra i due versanti dell'Appennino.
    La mostra, a cura di Massimo Medica e Fabio Massaccesi, è composta da due sezioni. La prima ripercorre i problematici inizi dell'artista, facendo riferimento ai rapporti allora intercorsi tra Bologna e la Toscana, documentati anche nell'ambito della scultura (Andrea da Fiesole) e della miniatura (Don Simone Camaldolese e Lorenzo Monaco). La seconda illustra l'attività dopo il suo rientro a Bologna, nel corso degli anni novanta del Trecento: appartiene a questo momento l'anconetta Lambertini firmata e datata 1394 (Bologna, Pinacoteca Nazionale) esposta per la prima volta a fianco delle ante laterali, oggi conservate al Museo Stibbert di Firenze; sempre da Firenze proviene da Casa Siviero una inedita Croce dipinta, presentata a confronto dell'altra Croce delle Collezioni Comunali d'Arte di Bologna, ugualmente attribuita a Lippo. Questa sezione si avvale anche del confronto con le opere di alcuni dei più noti miniatori (Nicolò di Giacomo, Giovanni di Fra Silvestro) e pittori del momento come documentano le tavole esposte di Simone dei Crocifissi e di Jacopo di Paolo. Artisti con cui Lippo ebbe occasione di interagire, come dimostra anche il polittico dei Pii Istituti Educativi (Bologna, Pinacoteca Nazionale), in parte segnato da un corposo neogiottismo.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza