Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Dai nuraghi un miliardo l'anno per il Pil della Sardegna

Dai nuraghi un miliardo l'anno per il Pil della Sardegna

Il riconoscimento Unesco può attirare un 1,5 milioni di turisti

CAGLIARI, 14 ottobre 2023, 14:59

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Dal riconoscimento Unesco per i nuraghi può arrivare 1 miliardo di euro l'anno per il Pil della Sardegna. Una cifra destinata a salire nel momento in cui si riuscirà a valorizzare in maniera compiuta il patrimonio archeologico sardo, oggi sconosciuto alla metà dei turisti che scelgono l'Isola: il 47% di loro non ha mai sentito parlare di nuraghi e solo il 10%, in maggioranza stranieri, visita i siti nuragici.
    La civiltà nuragica, insomma, ha un grande potenziale inespresso e può rappresentare un fattore decisivo per costruire una sorta di marchio Sardegna, cambiando radicalmente il modello di sviluppo economico dell'Isola. Il possibile incremento del flusso di visitatori, stimto un 1,5-2 milioni di turisti l'anno, andrebbe poi a beneficiare maggiormente le zone interne che oggi pagano il prezzo più alto della crisi.
    Sono questi i risultati dell'analisi realizzata da OC&C ed Eumetra presentata oggi a Cagliari a Sa Manifattura. Il report mette in correlazione nuraghi e Pil, calcolando che questo percorso di valorizzazione può portare circa 2.500 euro l'anno in tasca ad ogni famiglia sarda. C'è poi il fattore Unesco. Oggi la Sardegna, con i suoi 377 comuni, è unita nella richiesta di inserire i nuraghi nella lista dei beni patrimonio dell'umanità.
    L'ingresso nell'Unesco può rafforzare in maniera notevole la propensione alla visita dei siti archeologici, ma da solo non basta. Il gap rispetto ai grandi siti è troppo ampio. Se a Pompei arrivano 3,6 milioni di visitatori l'anno, ai Trulli di Alberobello 2 milioni, ai Sassi di Matera 1,9 milioni, i Nuraghi si fermano a 400mila visitatori. Cogliere il potenziale inespresso è possibile. Ma serve un piano di investimenti all'altezza e un programma di lungo periodo con una regia chiara.
    "Lo studio OC&C-Eumetra - spiega il presidente dell'Associazione La Sardegna verso l'Unesco, Pierpaolo Vargiu - aiuta a capire come l'investimento di immagine sulla identità e sul paesaggio nuragico possa portare a un nuovo posizionamento di brand dell'Isola. Le ricadute andrebbero ben oltre il settore turistico, diventando un moltiplicatore per il Pil e generando benessere diffuso". "La sfida - chiarisce - è cambiare il percepito collettivo della Sardegna nel mondo, aprire uno scrigno tenuto nascosto per troppo tempo e far conoscere un patrimonio che, senza aggiungere un mattone, può portare un nuovo vento economico di sviluppo sostenibile nella nostra terra".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza