Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Il riscatto di Dalisi, il Maxxi omaggia il designer radicale

Il riscatto di Dalisi, il Maxxi omaggia il designer radicale

A Roma i lavori dell'eclettico progettista "ultrapoverista"

ROMA, 10 novembre 2023, 14:27

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Un cielo per pavimento e quinte di palazzi che scendono dall'alto a testa in giù: è la città ideale, in quel quel mondo che dovrebbe essere capovolto, che nel suo allestimento ospita la mostra al Maxxi di Riccardo Dalisi, il visionario progettista, scomparso lo scorso anno, poliedrico inventore di progetti che spaziano dall'architettura al design, reinventando l'artigianato e dando forma e corpo alla partecipazione e all'impegno sociale.
    Dal 10 novembre il Maxxi offre una grande retrospettiva dell'artista dal titolo programmatico: Radicalmente. Curata da Gabriele Neri, allestita da Novembre Studio e realizzata in collaborazione con l' Archivio Riccardo Dalisi, la mostra è un riconoscimento ad una figura spesso incompresa e rimasta un po' ai margini della cultura accademica.
    Innovatore ancorato alla rilettura della tradizione popolare Dalisi ha esplorato percorsi e approcci che lo hanno portato, tra i primi, ad indagare temi divenuti ormai imprescindibili, come il nuovo concetto di città, l'attenzione all'ambiente e al riciclo, ai materiali "poveri", alle persone, sempre animato da un fondamento etico.
    La retrospettiva sull'artista ricomprende l'evolversi del suo lavoro: dai laboratori creativi con i bambini di Napoli, al design "ultrapoverissimo", (sculture, lumi e oggetti di latta), dall'architettura costruita (come la Borsa Merci di Napoli o gli interventi di "restauro creativo" nei paesi dell'Irpinia terremotata) a quella immaginata, con progetti visionari e irrealizzabili che evocano un mondo surreale.
    Tra le sue opere spicca la Sedia del cece, serie di disegni che per la prima volta vengono esposti e che prendono spunto da una piccola sedia realizzata da una bambina napoletana, con legno di scarto e una molletta per i panni, su cui è adagiato un cece. Una "favola" alla rovescia che Dalisi chiese di "raccontare", tra gli altri, a Andy Warhol, Joseph Beuys, Ettore Sottsass, Enzo Mari, Bruno Munari, Paolo Portoghesi.
    E ci sono le rielaborazioni della caffettiera napoletana, il lavoro di ricerca per l'azienda Alessi, premiato con il Compasso d'Oro, che ha generato, oltre a un modello andato in produzione, centinaia di oggetti a metà tra la caffettiera e la marionetta.
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza