Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Canone Mediterraneo al Maxxi con Dalisi e Jodice

Canone Mediterraneo al Maxxi con Dalisi e Jodice

Dal 10 novembre la nuova stagione del museo delle Arti del XXI secolo

ROMA, 09 novembre 2023, 17:59

di Francesca Chiri

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Due mostre di esordio aprono una nuova stagione al Maxxi che sotto l'insegna del Mediterraneo mette in mostra un suo nuovo canone di approccio all'arte, all'architettura e al design. Dal 10 novembre, e fino a primavera, aprono due mostre che offrono due letture simmetriche della cultura che dal Mare Nostrum si irradia nelle radici dell'arte contemporanea. C'è la grande retrospettiva dedicata a Riccardo Dalisi (Potenza 1931 - Napoli 2022), a un anno dalla scomparsa, e un omaggio a Mimmo Jodice con un nucleo di fotografie della serie Mediterraneo che sono frutto di un'acquisizione del Maxxi. Entrambi i progetti sono parte della nuova programmazione del Maxxi Architettura il cui dipartimento è ora guidato da Lorenza Baroncelli e che con la proposta su Dalisi apre le porte del museo al design contemporaneo, o quello che gli esperti chiamano anche "anti-design". "La nostra sfida è quella di considerare il museo al pieno delle sue potenzialità ed essere consapevoli che la programmazione culturale è uno strumento di diplomazia culturale. Una responsabilità da interpretare con drammaticità e fantasia, proprio come ci insegnano i due artisti" dice il direttore del Maxxi, Alessandro Giuli. Poliedrico progettista, Dalisi viene riscoperto dal Maxxi con una grande retrospettiva, "Radicalmente", che è anche un riconoscimento ad una figura rimasta ai margini della cultura accademica. Anticonvenzionale, rivoluzionario, i suoi lavori si sono mossi liberamente tra architettura e design, arte e artigianato, partecipazione e impegno sociale, ricerca accademica e tradizioni popolari. Progetti radicati a Napoli e che prendono il via dai lavori svolti al Rione Traiano dove Dalisi incoraggiò nei primi anni '70 i ragazzi di strada a progettare arredi ed elementi architettonici, utilizzando materiali semplici come legno, spago e fili di metallo. Un lavoro documentato, tra l'altro, dalle foto di Mimmo Jodice mostrate proprio all'interno della mostra su Dalisi. Di tutt'altra natura, invece, i lavori esposti nello spazio dedicato a Mimmo Jodice che raccontano di un'altra fase di lavoro di quello che è stato uno maggiori interpreti della fotografia contemporanea e che, a partire dagli anni '80, si concentra invece ad esplorare i temi dell'antico, della memoria, delle origini, con visioni che si collocano al di fuori dalla realtà. Le foto esposte fanno parte del progetto Mediterraneo di cui 7 esemplari "vintage" sono entrati a far parte della Collezione di Fotografia del Maxxi Architettura grazie al contributo degli Amici del Maxxi.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza