Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Casa Dante a Ravenna, nuova sala e materiali inediti

Casa Dante a Ravenna, nuova sala e materiali inediti

Amplieranno la narrazione del rapporto tra la città e Alighieri

RAVENNA, 13 dicembre 2023, 19:24

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Una nuova sala per Casa Dante, con materiali presentati per la prima volta e che amplieranno la narrazione del rapporto tra Ravenna e l'Alighieri: ne potranno fruire dai primi mesi del 2024 i visitatori della Zona Dantesca.
    Gli allestimenti del Museo e di Casa Dante hanno premiato gli sforzi fatti dall'amministrazione comunale di Ravenna, in collaborazione con la Regione Emilia-Romagna, per valorizzare la Zona Dantesca e creare un percorso di visita che esplorasse e documentasse i diversi aspetti del culto dantesco nei secoli.
    Nel 2022, e ancor di più nel 2023, Museo e Casa Dante hanno visto un notevole incremento di accessi: lo scorso anno i visitatori sono stati 21.018, nei primi 11 mesi del 2023 sono già 26.015.
    L'interesse per la figura di Dante non è terminato con le celebrazioni del VII centenario, ma è aumentato in particolare tra i turisti dall'estero, anche grazie al lavoro di valorizzazione condotto dalla Fondazione RavennAntica in collaborazione con l'Istituzione Biblioteca Classense. Nella nuova sala sarà possibile collocare in modo più razionale i cimeli danteschi secondo un criterio cronologico che permette di apprezzare meglio l'evolversi del culto dantesco e le sue testimonianze nell'opera degli artisti. Sarà possibile esporre reperti che non avevano finora trovato spazio: in particolare la cassetta in piombo (1865) e il forziere (1944) che contenevano le ossa del poeta, restaurati grazie ad un accordo con il Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Bologna-Campus di Ravenna e al lavoro di Florence Caillaud e delle sue allieve e allievi. Verranno inoltre esposti due bassorilievi di Angelo Biancini (1911-1988), autore anche del busto dantesco già in mostra a Casa Dante, donati dalla famiglia dell'artista.
    La nuova sala ospiterà pure le testimonianze contemporanee del culto dantesco, il Dante pop, a dimostrazione di quanto la sua figura ispiri ancora l'opera ed il pensiero di artisti e comunicatori. E resteranno in mostra ancora per un anno le quattro opere in prestito dalle Gallerie degli Uffizi, grazie al rinnovo della convenzione tra le due istituzioni che ha portato alla nascita del primo esempio di Uffizi Diffusi fuori dalla Toscana. 
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza