Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

'I Fasti di Elisabetta Farnese' in mostra a Piacenza

'I Fasti di Elisabetta Farnese' in mostra a Piacenza

Video, ologrammi e 26 dipinti omaggiano la regina di Spagna

PIACENZA, 14 novembre 2023, 18:09

di ida Bini

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

A Elisabetta Farnese, regina di Spagna, donna ambiziosa e intelligente, è dedicata la mostra che la Cappella Ducale di Palazzo Farnese di Piacenza ospiterà dal 2 dicembre al 7 aprile con il titolo 'I Fasti di Elisabetta Farnese. Ritratto di una Regina'. A cura di Antonella Gigli e Antonio Iommelli con il patrocinio del ministero della Cultura, della Regione Emilia-Romagna e del Comune di Parma, l'esposizione ruota attorno a un ciclo di dipinti noto con il nome di Fasti di Elisabetta, realizzato nella prima metà del Settecento dal pittore di corte Ilario Mercanti, detto lo Spolverini. I dipinti, che rappresentavano vicende storiche con grande realismo e vivacità di particolari, vennero trasferiti a Napoli, con altri tesori artistici dei Farnese, per volere di Carlo di Borbone, figlio di Elisabetta e di Filippo V.

Ora, sei dipinti del ciclo pittorico saranno esposti a Piacenza per la prima volta dopo quasi 300 anni dalla loro migrazione a Napoli, assieme a 20 opere provenienti da collezioni pubbliche e private, che permetteranno di conoscere meglio la grandezza e la cultura straordinarie di Elisabetta Farnese, donna singolare la cui ambizione e intelligenza furono apprezzate da tutti i suoi contemporanei. La mostra di Piacenza permetterà, dunque, di approfondire la conoscenza della regina di Spagna, l'ultima Farnese, e di scoprire la storia di una famiglia che ha intessuto relazioni internazionali attraverso un'acuta politica matrimoniale con le maggiori famiglie europee. La mostra, organizzata dai Musei Civici di Palazzo Farnese di Piacenza con il supporto del Comune e in collaborazione con la casa editrice Electa, è allestita in un'elegante sede espositiva che ben si integra nella nobile residenza farnesiana, fatta erigere alla metà del Cinquecento da un'altra grande donna legata alla potente dinastia, Margherita d'Austria, figlia dell'imperatore Carlo V e moglie di Ottavio Farnese. In aggiunta ai dipinti, a una serie di ritratti, a un disegno e ad alcune incisioni, sarà esposto anche il Ragguaglio delle nozze della Maestà di Filippo Quinto e di Elisabetta Farnese, un resoconto dettagliatissimo, dato alle stampe nel 1717, che illustra e descrive il matrimonio per procura tra Elisabetta e Filippo V, nonché i festeggiamenti a loro tributati dalla corte e il viaggio dell'ultima discendente della famiglia Farnese dal piccolo ducato di Parma e Piacenza al grande Regno di Spagna.

Il racconto è supportato da videoproiezioni e ologrammi che, attraverso la ricostruzione di luoghi e ambienti, aiuteranno i visitatori a vivere la storia di Elisabetta Farnese con esperienze immersive; si verrà letteralmente trasportati, per esempio, nel Duomo di Parma durante la celebrazione nuziale del 1714, tramite due produzioni ologrammatiche del cardinale Giulio Alberoni, abate all'epoca dei fatti, e della contessa Orsini, che orchestrò il matrimonio con il cardinale. La mostra sarà accompagnata da un catalogo edito da Electa.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza