Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Il 'West' negli scatti di Jodice a Napoli

Il 'West' negli scatti di Jodice a Napoli

Al Mann venti opere per la prima volta in Italia

NAPOLI, 08 novembre 2023, 18:06

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

NAPOLI - Il sorgere e il declino dell'ultimo grande impero occidentale tra l'inizio della Gold Rush (1848) e il fallimento della Lehman Brothers (2008) sono raccontati dalla mostra fotografica 'West' di Francesco Jodice curata da Matteo Balduzzi al Museo Archeologico Nazionale di Napoli, con il Mufoco, Museo di Fotografia Contemporanea (Electa, fino all'8 gennaio). Venti opere sono presentate per la prima volta in Italia: in tre lunghi viaggi, tra il 2014 e il 2022 Jodice rilegge una parte della nostra storia. California, Nevada, Utah, Wyoming, Arizona, Colorado, New Mexico, Nebraska, Texas, con l'inclusione delle aree contigue messicane, alcuni degli stati dove ha avuto luogo la corsa all'oro, i territori percorsi.
    Ruderi archeologici sono miniere, ghost town, utopie, complessi e infrastrutture abbandonate di una stagione animata da un'irrefrenabile bramosia di ricchezze immediate.
    Atlante (2015), primo capitolo di una trilogia video che Jodice ha dedicato al Secolo Americano e che è stata parzialmente realizzata nella Sala della Meridiana del Mann crea un ulteriore cortocircuito negli spazi del Museo. "Quando inizia l'archeologia? Già ieri è passato - nota il direttore del Mann Paolo Giulierini - Grandi Musei come il British espongono gettoni telefonici o carte di credito, per dar conto di quelle che saranno le tracce materiali delle nostre generazioni fra mille e più anni. Di più l'America del West, a differenza del Messico o di parti dell'America Latina non è mai stata abituata ad un concetto di archeologia simmetrico al nostro. Per il West il passato sono già i villaggi nati intorno alla corsa all'oro, quelli dei pistoleri o i set dismessi dei celebri film. Nessuno ha il diritto di stabilire un confine tra antico e recente. Nel momento in cui pensa ad un concetto esso è già volato via nei nostri ricordi. Il Mann in questi anni è stato ancha casa della fotografia d'artista - ricorda Giulierini - da Luigi Spina ai fotoreporter del World Press Photo".
    "Questo incrocio tra l'ovest del progetto e l'ovest del Golfo di Napoli riconduce tutto al tema della visione che è il vero scopo della fotografia e dei musei" dice Davide Rondoni, presidente del Museo di Fotografia.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza