Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Sempre più tartarughe femmine, colpa anche degli inquinanti

Sempre più tartarughe femmine, colpa anche degli inquinanti

Alterano lo sviluppo degli embrioni, come il clima che cambia

14 dicembre 2023, 11:18

Elisa Buson

ANSACheck

Se nascono sempre meno maschi dalle nidiate di tartarughe marine, la colpa non e' solo colpa del riscaldamento globale: pure alcuni inquinanti ambientali prodotti dall'uomo possono aggravare lo squilibrio tra i due sessi portando a una maggiore femminilizzazione degli embrioni. Lo indica uno studio pubblicato sulla rivista Frontiers in Marine Science dalla Griffith University in Australia.

I ricercatori guidati da Arthur Barraza hanno studiato gli effetti dell'inquinamento sullo sviluppo delle tartarughe marine verdi (Chelonia mydas, nella lista rossa delle specie a rischio estinzione) in un sito di monitoraggio sull'Isola Heron, un piccolo isolotto nella Grande Barriera Corallina meridionale, dove ogni anno vanno a nidificare tra le 200 e le 1.800 femmine. In questa localita' nascono mediamente due o tre femmine per ogni maschio, dunque c'e' un rapporto tra i due sessi piu' bilanciato rispetto altre regioni vicine all'equatore (dove per ogni maschio nascono centinaia di femmine).

Gli studiosi sono andati a raccogliere le uova appena deposte in 17 nidi e le hanno rimesse sotto la sabbia vicino a delle sonde in grado di registrare la temperatura all'interno del nido e sulla superficie della spiaggia. Al momento della schiusa, hanno determinato il sesso dei cuccioli e i livelli di 18 sostanze inquinanti inclusi metalli pesanti (come cadmio e antimonio) e contaminanti organici che si legano ai recettori degli ormoni femminili mimandone l'azione. Queste sostanze vengono solitamente accumulate dalle tartarughe femmine nei siti di foraggiamento e man mano che le uova si sviluppano, vanno ad accumularsi nel fegato degli embrioni.

I risultati hanno dimostrato che dalle uova sono usciti prevalentemente esemplari di sesso femminile, e il loro numero ero maggiore tanto piu' erano alti i livelli di inquinanti rilevati nel fegato.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza