Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Un nuovo intruso nel mar Adriatico, è il granchio crocifisso

Un nuovo intruso nel mar Adriatico, è il granchio crocifisso

Originario dell'oceano Pacifico e Indiano, può pesare fino a 1 chilo

04 ottobre 2023, 15:32

Redazione ANSA

ANSACheck

L 'esemplare di granchio crocifisso Charybdis feriata trovato in Adriatico (fonte: Fabio Grati) - RIPRODUZIONE RISERVATA

L 'esemplare di granchio crocifisso Charybdis feriata trovato in Adriatico (fonte: Fabio Grati) - RIPRODUZIONE RISERVATA
L 'esemplare di granchio crocifisso Charybdis feriata trovato in Adriatico (fonte: Fabio Grati) - RIPRODUZIONE RISERVATA

A poco più di un mese dalla scoperta della seconda specie di granchio blu nel mare Adriatico, ecco spuntare un nuovo 'intruso': è il granchio crocifisso Charybdis feriata, originario delle acque tropicali e subtropicali dell'Oceano Indiano e Pacifico. Il primo esemplare, probabilmente introdotto dal trasporto navale, è stato pescato al largo delle coste di Senigallia ed è ora sotto la lente dei ricercatori dell'Istituto per le risorse biologiche e le biotecnologie marine del Consiglio nazionale delle ricerche di Ancona (Cnr-Irbim).

Il granchio crocifisso, spiegano gli esperti, è un predatore di grandi dimensioni: gli esemplari maschi possono arrivare a pesare un chilogrammo e la specie è ampiamente commercializzata nelle aree di origine.

Nel Mediterraneo il granchio crocifisso è stato segnalato per la prima volta nel 2004 al largo di Barcellona. Ad oggi esistono pochissimi avvistamenti di questa specie, compreso un recente ritrovamento nel golfo di Genova nel 2022 e a Livorno nel 2015, sempre vicino a grandi porti. Secondo i ricercatori, la presenza di questa specie in Adriatico è da attribuirsi allo stesso vettore che ha introdotto il più noto granchio blu Callinectes sapidus, ovvero il trasporto navale.

"Questo ritrovamento si aggiunge a una lunga lista di nuove introduzioni nei nostri mari", afferma Ernesto Azzurro, ricercatore del Cnr-Irbim di Ancona. "Al momento, considerate le caratteristiche ecologiche del granchio crocifisso e la sua tolleranza termica, non riteniamo che ci sia il rischio di un'invasione di questa specie in Adriatico. Sappiamo, tuttavia, che l'attuale aumento delle temperature sta favorendo il successo di specie tropicali invasive, ed è molto importante monitorare la presenza e la distribuzione di questi alieni in stretta collaborazione con i pescatori".

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza