Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Finte vaccinazioni: non ci farà 'rinnovazione' della consulenza

Finte vaccinazioni: non ci farà 'rinnovazione' della consulenza

Sentenza d'appello attesa per il 27 novembre

TRIESTE, 20 settembre 2023, 13:48

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Non verrà svolta una "rinnovazione" della consulenza per il caso di Emanuela Petrillo, l'ex assistente sanitaria di Spresiano (Treviso), accusata di avere finto di iniettare i vaccini contro le comuni malattie infettive a centinaia di bimbi, tra 2009 e 2017. Lo ha deciso la Corte d'appello di Trieste nel corso dell'udienza odierna, non accogliendo una richiesta in tal senso presentata dalla Procura.
    La sentenza è prevista per il 27 novembre; Emanuela Petrillo, che oggi ha 37 anni, in primo grado è stata condannata dal Tribunale di Udine a otto anni e mezzo (la richiesta della Procura era di 9 anni e sei mesi), una condanna giudicata eccessiva dalla difesa, affidata all'avv. Paolo Saladin, anche in considerazione che la donna è incensurata e madre di due figli. Le accuse a suo carico sono di peculato, omissione atti ufficio, falso, relative alle sedute vaccinali effettuate al distretto di Codroipo, e a San Daniele e Udine, dal 2009 al 2015, e all'Ulss 2 di Treviso, dove si trasferi' e lavoro' fino al giugno 2017, quando fu denunciata e licenziata per giusta causa. Scoperta, non ha mai spiegato il suo comportamento e neppure chiesto scusa. Nell'autunno 2021 Petrillo è stata condannata dalla Corte dei conti, sezione giurisdizionale Fvg, al pagamento di 550 mila euro a favore dell'Azienda sanitaria universitaria Friuli centrale (Asufc).
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza